€ 25.00
In pubblicazione
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà acquistabile:
 
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come
Ricostruire l'Italia. I quartieri Ina-Casa del dopoguerra

Ricostruire l'Italia. I quartieri Ina-Casa del dopoguerra

di Stephanie Zeier Pilat


In pubblicazione
  • Editore: Castelvecchi
  • Collana: Le Navi
  • Data di Pubblicazione: gennaio 2020
  • EAN: 9788832822991
  • ISBN: 8832822997
  • Pagine: 192

Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"

Descrizione del libro

«Ricostruire l'Italia» esamina le trasformazioni sociali avvenute in Italia nel periodo della Ricostruzione attraverso la vicenda Ina-Casa, il programma governativo promosso dall'allora ministro del Lavoro, Amintore Fanfani, per far fronte alla crisi occupazionale ed edilizia. Il piano Ina-Casa è stato oggetto di diverse ricerche da parte di analisti politici, economisti, architetti e urbanisti, che ne hanno di volta in volta esaltato o criticato gli obiettivi, la legislazione, la strategia attuativa, gli esiti fisici e spaziali dei quartieri. Il libro di Zeier Pilat offre un'ampia ricostruzione della storia del piano, dalla prima fase di gestazione (1949) fino all'ultimo anno di attuazione (1963) soffermandosi in particolare sul ruolo fondamentale detenuto dall'Ina-Casa nella ricomposizione dell'identità culturale italiana, pesantemente compromessa dopo le laceranti vicende del crollo del fascismo e della crisi dello Stato unitario durante la SecondGuerra Mondiale. Partendo da un radicale ripensamento del tema della casa popolare, attraverso una profonda revisione dei linguaggi e dei modelli urbani allora caratterizzanti l'architettura italiana, i progettisti e i tecnici che diedero vita all'esperienza Ina-Casa contribuirono in maniera significativa alla ridefinizione dell'identità politica, sociale ed estetica del Paese, all'interno del complesso scenario interno e internazionale del dopoguerra.