€ 22.80€ 24.00
    Risparmi: € 1.20 (5%)
Spedizione GRATUITAsopra € 25
Disponibilità immediata

Ne hai uno usato?
Vendilo!
Punti di ritiroScegli il punto di consegna
e ritira quando vuoiScopri come

La rete nascosta. Per una relazionalità formativa

di Marco Milella

  • Editore: CLEUP
  • Data di Pubblicazione: 1998
  • EAN: 9788871780801
  • ISBN: 8871780809
  • Pagine: 330
18AppCarta docenteAcquistabile con il Bonus 18app
o la Carta del docente

Descrizione del libro

Come fare dell'esperienza, anche quotidiana, una relazione formativa è il problema principale che questo testo tenta di affrontare e che può coinvolgere tutti coloro che vivono un'esperienza professionale e personale legata direttamente all'universo della formazione (insegnanti, educatori, formatori professionali e d'azienda, operatori di comunità, personale sanitario, ecc.) o anche tutti coloro che, pur essendo implicati soltanto indirettamente da questioni formative, sentono il bisogno di esaminare i vissuti propri e altrui da un punto di vista diverso, da un punto di vista relazionale. La relazionalità è presente in tutte le situazioni che vengono predisposte e definite come formative: se non viene presa in considerazione esercita comunque una pressione ed un orientamento che purtroppo, spesso, vengono colti quando i risultati non arrivano come ci si aspettava o, addirittura, si presentano problemi gravi. Dal tentare di trasformare l'esperienza in una relazionalità formativa deriva poi una proposta per i processi formativi perché questi stessi rivolgano, anche consapevolmente, la propria azione verso se stessi, oltre che verso i destinatari della attività di formazione. La relazionalità, dunque, è anche un'occasione perché la formazione si occupi di se stessa, per acquistare quel dinamismo e quella flessibilità che la restituiscano a quei processi di costruzione di realtà che l'umanià ha inventato in maniera peculiare, fino ad identificarli con la vita stessa. La rete, allora, non deve rimanere 'nascosta': farla emergere costituisce un obiettivo educativo (e, prima ancora, autoeducativo) prioritario: viverla e farla vivere rappresenta una grande esperienza umana e una fonte inesauribile di risorse educative.