€ 9.00
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 

Disponibile in altre edizioni:

Ragazze siciliane
€ 9.00 € 8.64
Normalmente disponibile in 7/8 giorni lavorativi
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come
Ragazze siciliane

Ragazze siciliane

di Maria Messina


Prodotto momentaneamente non disponibile

Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"

Trama del libro

Si tratta di una raccolta di novelle pubblicate per la prima volta a Firenze nel 1921. "Ragazze, dunque, ma" - osserva l'autrice - "dovremmo dire signorine siciliane". Sono infatti signorine i personaggi, senza diritto alla maturità e all'identità sociali, se e finché non lo traggono dal marito diventando "signore"; signore di un universo piccolo borghese miseramente angustiato dall'ossessione del "decoro", in cui il desiderio è sempre colpa e la speranza un'ardita imprudenza.

I libri più venduti di Maria Messina

Tutti i libri di Maria Messina

Voto medio del prodotto:  3.5 (3.7 di 5 su 3 recensioni)

4Ragazze siciliane, 11-08-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Dieci racconti ambientati in una Sicilia che non c'è più, scritti magnificamente, un linguaggio quasi moderno, dal passo diretto, senza indugi, senza circonvoluzioni, che va diritto al cuore della narrazione, anche quando le cose da descrivere sono cupe, tristi, angosciose, perfide. Quasi tutto il mondo della Messina è questo: un mondo di figure meschine, di cognate e zie arroganti e senza cuore, che immolano incolpevoli vite sull'altare di una dote da risparmiare per il benessere economico della famiglia o di un'infanzia negata.
Gli uomini sono, nella migliore delle ipotesi, esseri distaccati, distratti, poco pratici e dediti allo studio o al lavoro, quando non eccentrici o dispotici. Nel bene e nel male, il fulcro delle vicende domestiche, del combinare incontri e successivi eventuali matrimoni, di gestire bambini e orfani appartenenti alla famiglia, di tramandare la memoria storica sta alle donne, siano esse serve curiose e scaltre, anziane dure e inflessibili, ragazze timorose e ingenue, bambine sognanti e borghesi benestanti piene di sé.
Legami forti, tra donne complici, tra sorelle legate anche oltre la morte di una delle due, tra madri e figlie, tra zie e nipoti orfane. Scenari austeri, stanze in penombra, abiti quasi monacali e rigidi formalismi: tutti ingredienti per noi lontani migliaia di anni luce, che meno di un secolo fa erano il pane quotidiano di una generazione di donne trascurate, invisibili, senza una dimensione sociale, una volontà personale o la possibilità di dar vita ai loro sogni, desideri, speranze.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4Ragazze siciliane, 11-08-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Dieci racconti ambientati in una Sicilia che non c'è più, scritti magnificamente, un linguaggio quasi moderno, dal passo diretto, senza indugi, senza circonvoluzioni, che va diritto al cuore della narrazione, anche quando le cose da descrivere sono cupe, tristi, angosciose, perfide. Quasi tutto il mondo della Messina è questo: un mondo di figure meschine, di cognate e zie arroganti e senza cuore, che immolano incolpevoli vite sull'altare di una dote da risparmiare per il benessere economico della famiglia o di un'infanzia negata.
Gli uomini sono, nella migliore delle ipotesi, esseri distaccati, distratti, poco pratici e dediti allo studio o al lavoro, quando non eccentrici o dispotici. Nel bene e nel male, il fulcro delle vicende domestiche, del combinare incontri e successivi eventuali matrimoni, di gestire bambini e orfani appartenenti alla famiglia, di tramandare la memoria storica sta alle donne, siano esse serve curiose e scaltre, anziane dure e inflessibili, ragazze timorose e ingenue, bambine sognanti e borghesi benestanti piene di sé.
Legami forti, tra donne complici, tra sorelle legate anche oltre la morte di una delle due, tra madri e figlie, tra zie e nipoti orfane. Scenari austeri, stanze in penombra, abiti quasi monacali e rigidi formalismi: tutti ingredienti per noi lontani migliaia di anni luce, che meno di un secolo fa erano il pane quotidiano di una generazione di donne trascurate, invisibili, senza una dimensione sociale, una volontà personale o la possibilità di dar vita ai loro sogni, desideri, speranze.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3Ragazze di Palermo, 04-11-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Libricino che si legge in poco tempo ma pieno di spunti interessanti.
L'autrice è molto brava a spiegare in breve le situazioni e a infilare sapientemente belle sensazioni e i valori di una volta.
Ritieni utile questa recensione? SI NO