€ 13.16€ 14.00
    Risparmi: € 0.84 (6%)
Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Racconti siciliani

Racconti siciliani

di Danilo Dolci


Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi

Trama del libro

Questo libro comprende alcuni racconti più significativi che ho raccolto dal 1952 al 1960 tra la povera gente di quella parte della Sicilia in cui operiamo. Ho scelto i meglio leggibili badando a non sforbiciare liricizzando, temendo soprattutto che la scoperta critica, il fondo delle reazioni di chi legge, rischino di dissolversi in godimento estetico: tanto sono espressive, belle direi, alcune di queste voci. Forse è tempo di una renaissance di Danilo Dolci, della sua lezione di metodo, dopo la clamorosa attenzione risvegliata nei suoi contemporanei e la parziale dimenticanza degli ultimi anni. Fu infatti, per la questione sociale in Italia, un uomo di svolta epocale, un Gandhi italiano, essendo riuscito a inserire tra l'indifferenza delle classi dirigenti e l'economicismo prevalente delle lotte sindacali, il cuneo della denuncia pacifista, fatta di resistenza passiva, di pratica dell'obiettivo, di scioperi alla rovescia, di digiuni collettivi, di fusione dei diritti sociali nei diritti umani. Un acuto pungolo che spinse i migliori intellettuali italiani e gran parte del giornalismo a guardare finalmente al mondo degli ultimi, e costrinse l'opinione pubblica delle classi dirigenti a prenderne atto. Partiva dal presupposto, arduo allora come oggi, che per conoscere i poveri bisognasse vivere come loro, condividerne i bisogni materiali e la condizione spirituale; e che per far conoscere i poveri bisognasse render loro la voce.

Tutti i libri di Danilo Dolci

Acquistali insieme

Gli utenti che comprano Racconti siciliani acquistano anche La via del samurai di Yukio Mishima € 9.40
Racconti siciliani
aggiungi
La via del samurai
aggiungi
€ 22.56

Voto medio del prodotto:  4.5 (4.7 di 5 su 3 recensioni)

4.0Voci di una storia (quasi) dimenticata, 26-05-2012, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Lo scrittore da la voce direttamente ai protagonisti di queste storie, i miserabili, i diseredati, gli analfabeti, gli ammalati, le madri senza latte, i poveri, e hai la sensazione non di leggerle, ma di ascoltarle e ti sembra di osservarli questi personaggi e poi leggi la biografia di Danilo Dolci un lombardo che, al sud e alla sicilia, ha dedicato la sua esistenza pagando a caro prezzo la sua decisione di vita.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Racconti siciliani, 12-07-2011, ritenuta utile da 2 utenti su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
Concordo col recensore che mi precede, è un peccato non leggere Dolci: Leggere le storie che lui ha raccolto è un vero e proprio pugno nello stomaco perché non possiamo assolutamente immaginare in che abissi di miseria vivesse allora il popolo siciliano, miseria conseguente ad ignoranza e superstizione, in una società ancora intrisa dei residui del feudalesimo e condizionata dal fenomeno mafioso. L'originalità dell'opera consiste nell'aver dato voce al popolo: il libro è infatti una raccolta di racconti fatti in prima persona dai protagonisti della società popolare: il raccoglitore di verdure selvatiche, il pescatore, la donna maltrattata dal marito, l'individuo sospetto seviziato dai poliziotti, la vecchietta succube della superstizione, l'amico del sindacalista trucidato dalla mafia, il politico che costruisce la sue fortune sulle miserie altrui e, dulcis in fundo, la principessa che non sia accorge del mondo che la circonda e dichiara candidamente: "io gioco ogni giorno a canasta, che cosa vuole che faccia? ". Un quadro che ispira sentimenti contrastanti: compassione, rabbia, disprezzo per una classe politica che non seppe o non volle vedere la realtà che la circondava e che anzi perseguitò a lungo Danilo Dolci. Lode all'Editore Sellerio per averci riproposto questo libro. A noi l'invito a meditare su quanto deve ancora cambiare in Sicilia perché diventi una regione normale.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Racconti belli e degni, 04-10-2010, ritenuta utile da 7 utenti su 9
di - leggi tutte le sue recensioni
“Racconti siciliani” di Danilo Dolci va letto assolutamente. Non solo per il tono narrativo che caratterizza la raccolta (una lingua di fatti, che si prostra all’evento raccontato senza cedere ad intarsi ed impasti fascinosi) ma perché è testimonianza viva di cosa voglia dire essere donna ed essere costretta a maritarsi, essere uomo ed essere costretto a far fatica senza diritto alcuno, essere fanciullo ed essere costretto a non aver futuro. E poi va letto per saper, in quest’Italia dagli sbagliati esempi, chi era Danilo Dolci, quale la sua battaglia non-violenta, quali le rivendicazioni di cui si fece portatore. Gandhi italiano, interessato a dar la terra ai poveri ed il pane ai miseri, Danilo Dolci merita memoria, ricordo, studio. Almeno quanto merita attenzione quest’insieme di racconti belli, sinceri e veri sull’Italia di ieri, tanto simile a quella di oggi.
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Prodotti correlati

Altri utenti hanno acquistato anche

Ultimi prodotti visti