€ 28.00
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come
Le raccolte del principe Eugenio condottiero e intellettuale. Collezionismo tra Vienna, Parigi e Torino nel primo Settecento. Catalogo della mostra (Torino 2012)

Le raccolte del principe Eugenio condottiero e intellettuale. Collezionismo tra Vienna, Parigi e Torino nel primo Settecento. Catalogo della mostra (Torino 2012)

di C. E. Spantigati (a cura di)


Prodotto momentaneamente non disponibile
  • Editore: Silvana
  • Collana: Cataloghi di mostre
  • A cura di: C. E. Spantigati
  • Data di Pubblicazione: aprile 2012
  • EAN: 9788836623358
  • ISBN: 8836623352
  • Pagine: 319
  • Formato: brossura

Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"

Descrizione del libro

Nel 1736 un diplomatico inglese indicava i quadri della sontuosa collezione del principe Eugenio di Savoia Soissons come i "più bei dipinti [...] di ogni genere che solo le teste coronate potevano permettersi in Europa". Il volume presenta un ricco nucleo della collezione - da Reni a van Dyck, da Brueghel ai maestri nordici - che il principe Eugenio, cugino del re Vittorio Amedeo II di Savoia, il grande condottiero dell'esercito imperiale celebre in tutta Europa per le vittorie contro i turchi, raccolse per ornare le sue splendide residenze viennesi, il Palazzo di Città e il Belvedere. La straordinaria raccolta, giunta a Torino nel 1741 tramite l'acquisto di Carlo Emanuele III, fu allestita nel Palazzo Reale, dove fu ammirata e magnificata da viaggiatori e cultori d'arte di tutta Europa che lodarono in particolare la ricchezza di opere fiamminghe e olandesi, arrivando ad additarla come uno dei vertici del collezionismo moderno. Nel testo sono altresì indagate le collezioni di due personaggi di spicco della corte sabauda residenti nella Parigi del primo Settecento, la contessa di Verrua (1670-1736), elegante e raffinata amante di Vittorio Amedeo II, e il principe Vittorio Amedeo di Carignano (1690-1741), consentendo una nuova e più ampia riflessione sul gusto à la page dei collezionisti nell'Europa di primo Settecento.