€ 12.50
Fuori catalogo - Non ordinabile
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come
La quinta donna. Le inchieste del commissario Kurt Wallander vol.6

La quinta donna. Le inchieste del commissario Kurt Wallander vol.6

di Henning Mankell


  • Editore: Marsilio
  • Collana: Tascabili Maxi
  • Traduttore: Puleo G.
  • Data di Pubblicazione: giugno 2010
  • EAN: 9788831706698
  • ISBN: 8831706691
  • Pagine: 560
Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"

Descrizione del libro

Maggio 1993: in Algeria i fondamentalisti islamici uccidono quattro suore. La quinta donna massacrata è una turista svedese. La polizia algerina cerca di insabbiare il caso. Settembre 1994: una serie di delitti scuote il sud della Svezia. Omicidi crudeli, perpetrati con una tecnica che non lascia dubbi sull'esistenza di un unico colpevole. Tocca ancora al commissario Kurt Wallander aprire un faticoso spiraglio tra le indagini e mettere insieme i pezzi di una storia incredibile.

Tutti i libri di Henning Mankell

Voto medio del prodotto:  4.5 (4.7 di 5 su 7 recensioni)

4Intenso, 06-03-2017, ritenuta utile da 13 utenti su 17
di - leggi tutte le sue recensioni
Forse non il più bello ma certamente uno dei più intensi e scritto molto bene. Inserisce un po' di tutto nella trama: dal viaggio in Italia ai sentimenti verso il padre, dalla solitudine all'intolleranza, dai suoi disagi familiari all'Africa con le sue contraddizioni e guerre. Nel mezzo un giallo intricato e di difficile risoluzione. Lettura che scorre piacevole e lenta, meditata parola per parola, cosa che non accade mai nei cosiddetti bestseller americani.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5Grande Wallander, 23-05-2013
di - leggi tutte le sue recensioni
Un brutto episodio avvenuto in Algeria, il feroce omicidio di cinque donne, fa da prologo a questa storia dove l'Autore ha dato il meglio di sè. Il solito svagato, eternamente stanco, solitario commissario Wallander deve confrontarsi con un serial killer un po' speciale, più giustiziere che assassino. Una serie di omicidi che apparentemente non hanno alcun collegamento tra loro, se non la ferocia con cui vengono commessi, mette a dura prova le intuizioni del funzionario e dei suoi colleghi della Polizia della Scania. Proprio quando tutto il quadro si presenta più disastrato, con la ribellione dei suoi concittadini intenzionati a farsi giustizia da soli, Wallander riuscirà a trovare il bandolo di una matassa che, comunque, stenterà a dipanarsi. Ma il commissario non accetta sconfitte, anche perchè in questo episodio il male toccherà direttamente la persona a lui più cara. Penso sia uno dei più bei libri di Mankell e lo consiglio senz'altro.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5Algeria, 24-08-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Questa volta Mankell ambienta in parte il suo libro nella lontana Algeria. Quattro suore vengono uccise e il governo algerino cerca di insabbiare tutto, ma dopo poco tempo altri omicidi gettano nel terrore la Svezia. Sta al commissario Wallander trovare un nesso logico fra le due indagini e formare un grande libro.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5La quinta donna, 10-08-2011, ritenuta utile da 2 utenti su 3
di - leggi tutte le sue recensioni
Sono ormai al mio quinto Wallander e confermo il mio giudizio su una lettira piacevolissima, una tecnica narrativa forse non fulminante ma nemmeno soporifera, un personaggio non stravagante ma neanche stereotipato, indagini vivaci quel tanto che basta a non renderle inverosimili, un intreccio che resta sospeso fino alla fine, come sempre portato avanti su più piani, con dei brevi flash sui crimini e sul loro autore.
Non è la prima volta che in Mankell gli incipit (a volte anche parte delle trame) si svolgono in paesi lontani; accade anche in questo libro, con l'avvio della narrazione che ha luogo in Algeria ai tempi delle stragi degli integralisti islamici dei GIA.
E non è nemmeno la prima volta che Mankell tocca temi sociali connessi con la vita in Svezia, l'integrazione razziale, l'insofferenza verso gli immigrati. Molto prima di quanto abbia fatto l'Italia, la Svezia ha aperto le sue porte a profughi, a rifugiati politici, a migranti.
E molto prima di noi arriva alla saturazione psicologica di certe fasce sociali, agli episodi di intolleranza, alla giustizia sommaria verso stranieri, piccoli malviventi, episodi di criminalità. Con notevole anticipo sulle nostre per fortuna mai davvero decollate "ronde padane", in Svezia si costituiscono gruppi autonomi di cittadini decisi a tutelare il territorio e i suoi abitanti. Mankell si esprime con decisa avversione verso questi fenomeni, e verso il consumismo sfrenato che ha portato le società occidentali verso il benessere e l'egoismo.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5Africano, 29-07-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Stavolta il nostro commissario Wallander si trova alle prese inizialmente con tanti omicidi commessi in Algeria. Ci sarà qualcosa che li lega a altri omicidi commessi in Svezia? Sta a lui capire il nesso. Un altro libro dove emerge la sagacia e l'esperienza con cui Wallander conduce le indagini e trovare il bandolo della matassa
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Leggi anche le altre recensioni su La quinta donna. Le inchieste del commissario Kurt Wallander vol.6 (7)


Gli altri utenti hanno acquistato anche...