€ 17.10€ 18.00
    Risparmi: € 0.90 (5%)
Spedizione GRATUITAsopra € 25
Normalmente disponibile in 3/4 giorni lavorativi
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come
Quer pasticciaccio brutto de via Merulana

Quer pasticciaccio brutto de via Merulana

di Carlo Emilio Gadda


  • Editore: Adelphi
  • Collana: Biblioteca Adelphi
  • A cura di: G. Pinotti
  • Data di Pubblicazione: novembre 2018
  • EAN: 9788845933066
  • ISBN: 8845933067
  • Pagine: 380
  • Formato: brossura
18AppCarta docenteQuesto articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"

Dettagli

«… il più assoluto giallo” che sia mai stato scritto, un giallo” senza soluzione, un pasticciaccio» (Leonardo Sciascia).

Trama del libro

Nel giro di pochi giorni, nel marzo del 1927, un furto di denaro e gioielli ai danni di una svaporata e fantasiosa vedova, la contessa Menegazzi, e poi l'omicidio della ricca, splendida e malinconica Liliana Balducci, sgozzata con ferocia inaudita, incrinano la decorosa quiete di un grigio palazzo abitato da pescecani, in via Merulana, come se una «vampa calda, vorace, avventatasi fuori dall'inferno» l'avesse d'improvviso investito - una vampa di cupidigia e brutale passione. Indaga su entrambi i casi, forse collegati, Francesco Ingravallo, perspicace commissario-filosofo e segreto ammiratore di Liliana: ma la sua livida, rabbiosa determinazione, il suo prodigioso intuito per il «quanto di erotia» che ogni delitto nasconde e le pressioni di chi pretende a ogni costo un colpevole da dare in pasto alla «moltitudine pazza» non basteranno ad aver ragione del disordine e del Male. L'inchiesta sui torbidi misteri del «palazzo dell'Oro» gli concederà, al più, la medesima, lacerante cognizione del dolore di Gonzalo Pirobutirro. Giallo abnorme, temerario, enigmatico, frutto della irresistibile attrazione che su Gadda esercitavano il romanzo e i crimini tenebrosi ma insieme di una tensione conoscitiva che finisce per travolgere ogni possibile plot, il Pasticciaccio è anche il ritratto di una città e di una nazione degradate dalla follia narcisistica del Tiranno, dove si riversa a ondate tumultuose una realtà perturbata e molteplice - e dove, a rappresentarla, sono convocate, in uno sforzo immane, tutte le risorse della nostra lingua, dei dialetti, delle scienze e delle tecniche.
Uno dei maggiori capolavori italiani del secondo Novecento, apparso per la prima volta su rivista nel 1946, poi riscritto, ampliato e ripubblicato (sempre in forma inconclusa) nel 1957. È grazie alle carte dell’autore che oggi è possibile sciogliere in buona parte l’enigma del finale di quell’opera immensa che è "Quer pasticciaccio brutto de via Merulana" di Carlo Emilio Gadda.
Siamo a Roma, nel marzo 1927. Al commissario don Ciccio Ingravallo è chiesto d’indagare su un furto di gioielli avvenuto al numero 219 di via Merulana. Nel giro di poco, però, il “pasticciaccio” si complica: nello stesso palazzo di via Merulana è ritrovato il cadavere, con la gola squartata, della bellissima e malinconica Liliana Balducci. Che l’autore dei due crimini sia lo stesso?
Ingravallo è un commissario-filosofo, ostinato e deciso a non assecondare chi vorrebbe al più presto un colpevole qualsiasi. D’altra parte, non è neppure un mistero il fascino che la Balducci esercitava su di lui.
Il "Pasticciaccio" di Gadda è un giallo abnorme, temerario, enigmatico, che racconta con un’ironia e una ricchezza linguistica ineguagliabili una città e una nazione degradate dalla dominazione fascista.

I libri più venduti di Carlo Emilio Gadda

Tutti i libri di Carlo Emilio Gadda

Acquistali insieme

Gli utenti che comprano Quer pasticciaccio brutto de via Merulana acquistano anche Le perfezioni provvisorie di Gianrico Carofiglio € 13.30
Quer pasticciaccio brutto de via Merulana
aggiungi
Le perfezioni provvisorie
aggiungi
€ 30.40

Voto medio del prodotto:  4 (4.1 di 5 su 12 recensioni)

3Quanto sei bella Roma...., 19-03-2018
di - leggi tutte le sue recensioni
Il genere a metà tra il giallo e il comico lo rende gradevole alla lettura. Le parti in gergo romanesco sono la ciliegina sulla torta, anche se a volte di difficile comprensione. Il pasticciaccio è la rappresentazione del nostro paese ridicolo, ma proprio per questo drammatico.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3Il giallo italiano, 23-06-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Il commissario Ingravallo è tenuto questa volta a risolvere un caso che lo coinvolge anche emotivamente: nella palazzina di via Merulana viene denunciato un furto di gioielli e qualche giorno più tardi la signora Liliana Balducci, che per don Ciccio Ingravallo è la rappresentazione della purezza femminile, viene trovata assassinata in casa sua, con uno squarcio che le apre la gola. Le indagini portano la polizia a spostarsi verso la zona dei Castelli Romani, da dove provengono infatti le domestiche della famiglia Balducci. Insomma, gli indagati sono tanti, ma sembra che ognuno di loro abbia un alibi e la risoluzione del giallo sembra sempre più lontana.
Il messaggio che Gadda ci vuole mandare è che purtroppo la realtà ha troppe sfaccettature per essere spiegata e di conseguenza arrivare alla soluzione non è sempre così facile.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4Un intreccio ingarbugliato, 18-05-2012, ritenuta utile da 2 utenti su 3
di - leggi tutte le sue recensioni
Romanzo complicato e particolare che rientra nella nostra letteratura novecentesca. La storia ruota intorno alla ricerca del colpevole di un furto prima e di un delitto poi, avvenuti entrambi in due distinti appartamenti di uno stesso palazzo, a Roma, in via Merulana. Tantissimi sono i personaggi che si avvicendano nel romanzo, interrogati dal commissario di polizia, e che creano un groviglio di vicende che si intrecciano tra loro. Tutti i personaggi sono inseriti nella lista dei sospettati poiché ognuno di loro ha un movente tale da giustificare il furto eo il delitto. La storia si legge con una certa difficoltà a causa dei numerosi intrecci e a causa della presenza di un linguaggio variegato che spazia dal dialetto popolare, ai termini arcaici, fino ad arrivare all'uso di vocaboli inventati. Il tutto concorre a dimostrare la tesi di Gadda: la vita in sé è complessa ed inspiegabile.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5Autore fantastico, 11-03-2012, ritenuta utile da 2 utenti su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
Il grande carlo emilio gadda ha saputo mettere in questo fantastico romanzo tutta la sua visione del futurismo. Ha mischiato generi e lingue ma nonostante ciò il testo è unitario e perfetto nel suo pastiche. Sicuramente il migliore tra gli autori del novecento fascista, nessun altro potrà scrivere mai come gadda.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3Quer pasticciaccio brutto de via Merulana, 04-04-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Riconosco come indubbia la grandezza di questo autore. Mi è piaciuto abbastanza... Bella la contaminazione linguistica, sottili e di grande soddisfazione i riferimenti culturali (fatti apposta per farti gongolare quando li capisci, ma quando non li capisci... Oh beh, alla fine sono cose astruse! Eheh), mi è piaciuta anche la storia, bella davvero, e l'ambientazione, e la scrittura di Gadda, veramente folgorante a tratti, in altri punti invece macchinosa e costruita. In ogni caso è un libro che richiede un po' di concentrazione per essere letto, e che non è fatto per le persone impazienti che hanno la tentazione di saltar pagine per capire come va la storia... Bello comunque, ma certo non mi ha aperto un nuovo mondo.
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Leggi anche le altre recensioni su Quer pasticciaccio brutto de via Merulana (12)


Prodotti correlati

Gli altri utenti hanno acquistato anche...

Ultimi prodotti visti