€ 12.00€ 15.00
    Risparmi: € 3.00 (20%)
Spedizione GRATUITAsopra € 25
Disponibile in 2/4 giorni lavorativi
Punti di ritiroScegli il punto di consegna
e ritira quando vuoiScopri come

I quattro cantoni

di Gabriella Genisi

  • Editore: Sonzogno
  • Collana: Romanzi
  • Data di Pubblicazione: febbraio 2020
  • EAN: 9788845400940
  • ISBN: 8845400948
  • Pagine: 270
  • Formato: brossura
PromozionePromozione Marsilio Gialli
18AppCarta docenteAcquistabile con il Bonus 18app
o la Carta del docente

Descrizione del libro

Bari, inizio di dicembre, mancano pochi giorni a San Nicola. Mentre la commissaria Lolita Lobosco e il suo nuovo amore Giancarlo Caruso si godono la notte in una casetta di pescatori a Polignano, nella vicina Torre a Mare un uomo viene ammazzato nella sua villetta; sul corpo saranno trovate tracce di orrende sevizie. La sera dopo, una Mercedes scura cerca di sfuggire a un posto di blocco e si schianta contro un muro: due uomini di etnia rom, padre e figlio, muoiono sul colpo. Quando si scopre che il dna di uno dei due era anche sulla scena del crimine, il caso sembra chiuso, ma l'origine etnica dei presunti assassini non fa che soffiare sul fuoco di un clima di odio e razzismo strisciante. Solo Lolita - che continua a dividere le sue passioni tra relazioni complicate, cucina del Sud e dedizione alla giustizia - non è convinta dell'esito delle indagini: alcuni dettagli non quadrano proprio. Tanto più che inspiegabili delitti, nelle settimane seguenti, cominciano a insanguinare la città. Un filo sembra legare queste morti misteriose, e la bella commissaria cercherà di dipanarlo a rischio della sua carriera, e della sua stessa vita.

Voto medio del prodotto:  1 (1 di 5 su 1 recensione)

1Insomma..., 22-02-2020, ritenuta utile da 1 utente su 3
di - leggi tutte le sue recensioni
Mi spiace dirlo, ma alla lettura (ahimè noiosissima, ricca solo di luoghi comuni e personaggi affatto privi di qualsivoglia spessore) , segue il sospetto che l'autrice voglia nascondere una palese difficoltà narrativa con l'aggiunta di temi politically correct. Ma anche l'impegno politico in letteratura non può essere espresso in maniera così banale, manichea, senza una valenza letteraria. Non siamo ad un comizio, la letteratura dovrebbe essere una cosa più seria... E taciamo di come una risorsa importante, come quella della narrazione del territorio, venga qui declinata in maniera a dir poco infantile...
Ritieni utile questa recensione? SI NO