€ 17.00€ 20.00
    Risparmi: € 3.00 (15%)
Normalmente disponibile in 3/4 giorni lavorativi
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come
Quarto rapporto sulle città. Il governo debole delle economie urbane

Quarto rapporto sulle città. Il governo debole delle economie urbane

di Urban@it. Centro nazionale studi politiche urbane (a cura di)


Normalmente disponibile in 3/4 giorni lavorativi
  • Editore: Il Mulino
  • A cura di: Urban@it. Centro nazionale studi politiche urbane
  • Data di Pubblicazione: gennaio 2019
  • EAN: 9788815280459
  • ISBN: 8815280456
  • Pagine: 251
  • Formato: brossura

Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"

Descrizione del libro

La qualità delle aree urbane è un fattore fondamentale per il rilancio dell’economia italiana e per la riduzione delle disuguaglianze sociali e territoriali. Tuttavia il contributo delle città all’economia nazionale è inferiore rispetto ad altri grandi Paesi avanzati, essendo frenato dalla congestione, dai contenuti livelli di istruzione, dalle elevate rendite immobiliari e da un deficit di governo. Lo testimoniano la scarsa incidenza del ruolo delle città metropolitane e gli esiti fortemente diversificati dei grandi programmi di trasformazione urbana. Lo confermano le dinamiche riguardanti il turismo nei centri storici, le aree periurbane, i contenitori industriali abbandonati nei distretti e nelle città, la diffusione della residenza dei migranti fuori dai centri maggiori. Anche interessanti fenomeni emergenti, quali i sistemi locali del cibo, i makerspace, le innovazioni delle aziende di servizio pubblico e il ruolo delle Fondazioni di origine bancaria, nuovi centri nevralgici delle economie locali, sono scarsamente e debolmente governati. Per questo il Rapporto propone alcuni indirizzi per un’Agenda urbana fondata su politiche di espansione e soluzioni istituzionali innovative, a partire da una sede decisionale in cui lo Stato e le città verifichino costantemente l’andamento degli investimenti pubblici e rimuovano gli ostacoli che si manifestano nell’attuazione degli inter­venti.