€ 15.00
Spedizione GRATUITAsopra € 25
Attualmente non disponibile, ma ordinabile (previsti 15/20 giorni lavorativi)
Effettua l'ordine e cominceremo subito la ricerca di questo prodotto. L'importo ti sarà addebitato solo al momento della spedizione.
Punti di ritiroScegli il punto di consegna
e ritira quando vuoiScopri come
Quando il maglio batteva... la mia terra, l'acqua, la memoria

Quando il maglio batteva... la mia terra, l'acqua, la memoria

di Cirillo Lunardi

  • Editore: Antolini
  • Data di Pubblicazione: 2018
  • EAN: 9788889050255
  • ISBN: 888905025X
  • Pagine: 112
  • Formato: rilegato
Carta docenteAcquistabile la Carta del docente

Trama del libro

Secondo lavoro dove Cirillo Lunardi descrive la vita dura dei contadini, la tragedia della pellagra, la lotta giornaliera per sopravvivere. C’era anche un antico maglio azionato dall’acqua delle risorgive che alimentano il fiume Tergola e scandiva, ritmava la vita, le giornate del borgo natio.
Prefazione a cura del poeta, compositore , sommo musicista e cantastorie BEPI DE MARZI di Vicenza.
"Lunardi il cantastorie delle stelle solitarie. Per questi racconti voleva il titolo "La stella bovara". Annunciando l'alba, i mattini delle campagne, i lavori nelle stalle, le prime giovanili fatiche, le malinconie. I drammi della povertà. C'è perfino un Conte con la Villa Padronale. [...] Quando da casa mia si sentivano più vicini i colpi del maglio, "el tempo cambia", diceva la mamma. Racconti brevi, consolazioni e carezze per le nostre perdute sere nei sognanti filò delle piccole felicità, della velata malinconia. Lunardi è un contafiabe d'arguzia non esibita, sempre nobilmente misurata dalla saggezza. E basti il commovente personaggio di Gnagne con il suo amore per i campi, per l'acqua fermata nei gorghi, per gli uccellini: "non sparo a un oseleto: me vergogno!", con il saluto alla furbissima lepre della maredana, la golena del Tésina, a dire quanto Cirillo sia sensibile, piacevolmente abile, generoso e sapiente, poetico e buono". (dal "Preludio" di Bepi De Marzi)