€ 12.00
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come
Psicologia del male

Psicologia del male

di Piero Bocchiaro


Prodotto momentaneamente non disponibile
  • Editore: Laterza
  • Collana: Universale Laterza
  • Edizione: 5
  • Data di Pubblicazione: giugno 2009
  • EAN: 9788842089674
  • ISBN: 8842089672
  • Pagine: III-129
  • Formato: brossura

Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"

Descrizione del libro

La malvagità non è appannaggio esclusivo di individui deviati o pazzi; chiunque può infierire contro un altro essere umano, perché questi erano gli ordini o semplicemente perché ne ha avuto l'occasione. La tradizionale (e semplicistica) dicotomia tra Bene e Male è sicuramente più comoda, poiché permette un orientamento facile negli intrecci della morale e una identificazione immediata dei cattivi: "loro" sono i responsabili di crimini e violenze, i personaggi da tenere a distanza; "noi", incorruttibili, abitiamo dalle parti della moralità. Le evidenze della psicologia sociale raccontano però un'altra storia, basata su dati, numeri, evidenze sperimentali che rendono lo scarto tra "loro-cattivi" e "noi-buoni" sempre più sottile, fino ad annullarlo del tutto. Non esistono individui totalmente virtuosi, altruisti, sensibili e altri interamente disonesti, egoisti, distaccati. In quanto esseri umani siamo un po' tutto questo, anche se la ripetitività della vita ci impedisce di prenderne atto: osserviamo noi stessi e gli altri nei soliti contesti, lasciamo che siano i ruoli sociali ad interagire; l'esito comportamentale non può che essere prevedibile e coerente alle aspettative. Diventa invece impossibile pronosticare ciò che sarà di noi e degli altri quando le dinamiche situazionali si rimescolano in modo da creare condizioni nuove e impreviste.

Voto medio del prodotto:  4.5 (4.5 di 5 su 2 recensioni)

4Una lucida visione del male , 09-03-2012, ritenuta utile da 3 utenti su 3
di - leggi tutte le sue recensioni
Ha il pregio di essere una lettura scorrevole, senza troppe complicazioni teoriche e dunque adatta ad un pubblico non specializzato. L'illustrazione di quattro esperimenti dimostreranno il labile confine tra bene e male e come ognuno di noi, messo nelle opportune condizioni, possa tirare fuori il peggio di se stesso. Il condizionale è d'obbligo: parte di noi è in grado di resistere a queste "forze situazionali" aggrappandosi ad etica e morale. Un libro interessantissimo, che destruttura con forti argomentazioni, che mescolano vita quotidiana alla psicologia sperimentale, la visione manichea per la quale certe persone sono "buone" e altre sono "cattive".
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5Interessante, 25-03-2009, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Un argomento interessante che sicuramente darà molti spunti di riflessione
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Gli altri utenti hanno acquistato anche...