€ 28.50€ 30.00
    Risparmi: € 1.50 (5%)
Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi

Disponibile in altre edizioni:

Il principe. Edizione del cinquecentennale
€ 28.50 € 30.00
Disponibilità immediata
Punti di ritiroScegli il punto di consegna
e ritira quando vuoiScopri come

Il principe. Edizione del cinquecentennale

di Niccolò Machiavelli

  • Editore: Donzelli
  • Collana: Biblioteca
  • A cura di: G. Pedullà
  • Traduttore: Donzelli C.
  • Data di Pubblicazione: novembre 2013
  • EAN: 9788860369857
  • ISBN: 8860369851
  • Pagine: CXXII-350
  • Formato: rilegato
18AppCarta docenteAcquistabile con il Bonus 18app
o la Carta del docente

Descrizione del libro

Da cinquecento anni il "Principe" funziona come una sorta di specchio nel quale non cessa di riflettersi la coscienza occidentale, proiettando sulle parole di Machiavelli ansie, ossessioni, speranze, paure. Politica e morale, mezzi e fini, il partito come moderno principe, l'emergere dello Stato, la politica come tecnica, i fantasmi del totalitarismo. In quanto presunto fondatore della modernità politica, Machiavelli entra obbligatoriamente in qualsiasi discorso filosofico sulla vita associata. Eppure, questo successo ha avuto un prezzo considerevole. Chiosato, interpretato, adattato e spesso anche violentato, il "Principe" ha troppo spesso finito per smarrire la propria fisionomia e assumere quella dei suoi ammiratori o detrattori. Questa edizione del cinquecentennale nasce precisamente dall'auspicio di favorire una nuova intimità con un grande classico più citato che letto, anzitutto giovandosi di una versione in italiano moderno appositamente realizzata da Carmine Donzelli. La traduzione accompagna, a fronte, il testo originale del "Principe", mantenendo le idiosincrasie, il procedere spezzato, le peculiarità e la bellezza della prosa machiavelliana, ma al tempo stesso scioglie gli inevitabili ostacoli linguistici e permette di avvicinarsi al testo senza le consuete difficoltà della prima lettura. Alla traduzione di Donzelli si aggiunge un vasto commento e un'altrettanto ricca introduzione di Gabriele Pedullà.