€ 15.18€ 15.49
    Risparmi: € 0.31 (2%)
Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come

Ne hai uno usato?
Vendilo!
Prevenzione dei rischi professionali negli ambienti e nelle attività dell'amministrazione, della ricerca e della scuola (applicazione del D.L.vo 626/1994)

Prevenzione dei rischi professionali negli ambienti e nelle attività dell'amministrazione, della ricerca e della scuola (applicazione del D.L.vo 626/1994)

di Ferdinando Gobbato


Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
  • Editore: Piccin-Nuova Libraria
  • Data di Pubblicazione: 2001
  • EAN: 9788829915842
  • ISBN: 882991584X
  • Pagine: XVIII-170

Descrizione del libro

Il Decreto Legislativo 626 / 1994 ha portato in primo piano i problemi della prevenzione e sicurezza nell'ambito delle attività, pubbliche e private, che afferiscono al "settore terzo" e che, sino a qualche anno addietro, erano state solo marginalmente interessate dalle norme sulla prevenzione degli infortuni (DPR 547/1995) e sulle malattie professionali (DPR 303 / 1956). Tali attività, intese nella accezione più ampia del termine, sottendono l'amministrazione, la scuola, la ricerca, le attività culturali, artistiche e musicali, i servizi sanitari e di assistenza, le attività finanziarie, di progettazione e marketing, e quant'altro non appartenga all'area del lavoro tradizionale (industria, agricoltura, commercio, trasporti, ecc ... ). In questo contributo si è cercato di valutare i punti e nodi critici di questo processo di trasformazione, ma è ovvio che quanto può essere analizzato oggi è un passato recente, ma comunque un passato. In medicina del lavoro e in medicina legale stiamo ancora facendo i conti con una inestinguibile analisi della patologia professionale tradizionale (asbestosi, tumori professionali, sordità da rumore, mal di schiena... ), ma già s'impone con urgenza una rinnovata e incessante attenzione ai fenomeni di stress-strain, di disadattamento al lavoro, di "mobbing" ed altro, di cui parla oggi la stampa, ma che sono l'epifenomeno di questo passato recente non ancora risolto.