€ 19.00
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come
I predatori dell'arte perduta. Il saccheggio dell'archeologia in Italia

I predatori dell'arte perduta. Il saccheggio dell'archeologia in Italia

di Fabio Isman


Prodotto momentaneamente non disponibile
  • Editore: Skira
  • Collana: Skira paperbacks
  • Data di Pubblicazione: aprile 2009
  • EAN: 9788861309494
  • ISBN: 8861309496
  • Pagine: 256
  • Formato: brossura

Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"

Descrizione del libro

Milioni di reperti, spesso autentici tesori unici al mondo, scavati clandestinamente; centinaia di migliaia di siti archeologici della Penisola violati e devastati; decine di migliaia di "tombaroli", intermediari e grandi mercanti indagati e sotto processo: la Grande Razzia si è consumata in Italia a partire dagli anni settanta. A suon di milioni di dollari, oggetti importantissimi, che restano stupendi ma sono ormai privati del loro passato, sradicati dai propri contesti e diventati "muti", sono stati acquistati da una dozzina di grandi musei internazionali, americani ed europei, e dalle massime collezioni private del mondo, spesso le più misteriose. Solo una piccola parte è stata finora restituita. Sulla base di interviste e documenti giudiziari, viene ricostruito, come non era mai stato fatto, il massimo saccheggio d'arte e cultura che ha colpito un Paese occidentale nell'ultimo secolo. Alcune vicende, inedite, sono degne di un thriller o di un "giallo". E restano ancora fittissimi misteri.

Voto medio del prodotto:  4 (4 di 5 su 1 recensione)

4Archeologi contro Tombaroli, 09-02-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Consigliato per chi ha interesse non solo nell'archeologia, ma anche per chiunque non conosca approfonditamente l'universo parallelo del traffico illegale di beni archeologici, purtroppo poco presente nell'informazione quotidiana.
Ritieni utile questa recensione? SI NO