€ 9.00
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Le porte del peccato. I sette vizi capitali

Le porte del peccato. I sette vizi capitali

di Gianfranco Ravasi


Prodotto momentaneamente non disponibile
  • Editore: Mondadori
  • Collana: Oscar bestsellers
  • Data di Pubblicazione: novembre 2008
  • EAN: 9788804582113
  • ISBN: 8804582111
  • Pagine: 243
  • Formato: brossura

Descrizione del libro

Fonte di peccato e di condanna morale per le religioni, all'origine di ogni "cattivo piacere" per i moralisti, il vizio ha suscitato da sempre l'interesse dell'etica, dell'arte e della filosofia, in quanto realtà profondamente umana. Gianfranco Ravasi guida il lettore in un viaggio alla scoperta dei sette vizi capitali: superbia, avarizia, lussuria, ira, gola, invidia e pigrizia. I vizi, come le virtù, nascono insieme alla libertà, sono una scelta consapevole dell'uomo. Ma che cos'è il vizio e come mai lusinga, abbaglia, seduce molto più della virtù? Da san Paolo ad Aristotele, da Tommaso d'Aquino a Dante, da Shakespeare a Freud non c'è grande pensatore che non abbia dedicato anche a uno solo di questi vizi pagine o opere memorabili. Analizzare il repertorio dei sette vizi capitali significa attingere non solo alla grande tradizione teologica delle Scritture da cui è nata l'attuale civiltà, ma anche a trame e personaggi letterari, raffigurazioni artistiche, alla psicoanalisi e perfino al cinema. In questo libro ogni vizio ha la sua trattazione specifica e una piccola folla di testimoni, attori, figure storiche e simboliche; citazioni colte e aneddoti arguti contribuiscono a tratteggiarne i confini.

Tutti i libri di Gianfranco Ravasi

Voto medio del prodotto:  5.0 (5 di 5 su 1 recensione)

5.0Come riconoscere il Male, 27-10-2010, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Nel presente volume, l'autore, Mons. Gianfranco Ravasi, attraverso una suddivisione tipicamente cristiana dei peccati capitali, pone in essere una dissertazione letteraria e filosofica dei vizi, facendo riferimenti simbolici ad opere d'arte pertinenti. In particolare, l'autore cerca di esporre, attraverso un'alta disquisizione culturale, l'orrida manifestazione dei peccati ed il loro modo di corrompere alla radice l'essere umano, che, da creatura fatta ad immagine e somiglianza di Dio, peccando, diviene schiavo del peccato.
Ritieni utile questa recensione? SI NO