€ 13.30€ 14.00
    Risparmi: € 0.70 (5%)
Spedizione GRATUITAsopra € 25
Disponibile in 2/3 giorni lavorativi
Punti di ritiroScegli il punto di consegna
e ritira quando vuoiScopri come

Pontelandolfo 1861. Tutta un'altra storia

di Giancristiano Desiderio

  • Editore: Rubbettino
  • Collana: SS19
  • Data di Pubblicazione: febbraio 2019
  • EAN: 9788849856927
  • ISBN: 884985692X
  • Pagine: 147
  • Formato: brossura
18AppCarta docenteAcquistabile con il Bonus 18app
o la Carta del docente

Descrizione del libro

L’incendio di Pontelandolfo è diventato nel tempo l’eccidio di Pontelandolfo. I morti, che gli archivi dicono essere stati 13, sono aumentati e lievitati ad ogni nuova pubblicazione sul tema. Tuttavia, la storia racconta tutta un'altra storia. Infatti, la tradizione su quei tragici eventi ci ha consegnato due dati: il racconto e il numero delle vittime. Si tratta di due dati tra loro in contrasto. Allora, cosa si è cercato di fare? Di cercare il numero più alto di vittime possibile: centinaia, migliaia (come ha fatto, ad esempio, Pino Aprile). Sennonché, la ricerca dei documenti ha sempre confermato il numero dei morti. A questo punto, andava fatto il procedimento inverso: andava messo in questione il racconto dei fatti che addirittura risale allo storico borbonico De' Sivo. Ma questa strada non è stata mai intrapresa. Qui si fa per la prima volta e con risultati sorprendenti che finalmente ci danno un racconto coerente con i documenti.


Voto medio del prodotto:  5 (5 di 5 su 1 recensione)

5Ottimo, 21-03-2019, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Finalmente, su un tema quale quello della presunta oppressione del Sud negli anni del Risorgimento e del processo unitario, uno studio basato su documenti e non su teoremi inventati, informazioni false, asserzioni non documentabili. In questo caso si è parlato di un massacro (quale ritorsione contro assassini briganteschi), c'è chi ha parlato di quattrocento morti chi di "migliaia". La verità? Tredici.
Molto di quanto hanno scritto i cosiddetti neoborbonici non reggerebbe ad un'analisi seria, esattamente come nel caso di questo episodio, affrontato non con intenti mestatori ma all'insegna di una seria ricostruzione dei fatti.
Ritieni utile questa recensione? SI NO