€ 14.60
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 

Disponibile in altre edizioni:

Perché non possiamo essere cristiani (e meno che mai cattolici)
€ 9.50 € 10.00
Disponibile in 2/3 giorni lavorativi
Perché non possiamo essere cristiani (e meno che mai cattolici)
€ 9.50 € 10.00
Disponibile in 6/7 giorni lavorativi
Punti di ritiroScegli il punto di consegna
e ritira quando vuoiScopri come
Perché non possiamo essere cristiani (e meno che mai cattolici)

Perché non possiamo essere cristiani (e meno che mai cattolici)

di Piergiorgio Odifreddi


  • Editore: Longanesi
  • Collana: Le spade
  • Edizione: 8
  • Data di Pubblicazione: marzo 2007
  • EAN: 9788830424272
  • ISBN: 8830424277
  • Pagine: 264
  • Formato: rilegato
18AppCarta docenteAcquistabile con il Bonus 18app
o la Carta del docente

Descrizione del libro

La prima stazione della nostra via crucis è l'inizio di tutti gli inizi: più precisamente, la mitologia ebraica della creazione del mondo e dell'uomo, narrata in due versioni diverse e contraddittorie nei capitoli I-XI del Genesi. Comincia così questo viaggio che il matematico Piergiorgio Odifreddi compie dentro le Scritture e lungo la storia della Chiesa, fino ai giorni nostri. Come uomo di scienza, egli considera l'affermazione che quello della Bibbia è l'unico vero Dio una "bestemmia" nei confronti di colui che gli uomini di buona fede, da Pitagora e Platone a Spinoza e Einstein, hanno da sempre identificato con l'intelligenza dell'universo e l'armonia del mondo. Come cittadino, afferma che il cristianesimo ha costituito non la molla del pensiero democratico e scientifico europeo, bensì il freno che ne ha gravemente soffocato lo sviluppo civile e morale, e ritiene che l'anticlericalismo sia oggi più una difesa della laicità dello Stato che un attacco alla religione della Chiesa. Come autore, infine, legge l'Antico e il Nuovo Testamento e le successive elaborazioni dogmatiche della Chiesa per svelarne, con una critica tanto serrata quanto avvincente, non soltanto le incongruenze logiche ma anche le infondatezze storiche, dando alla ragione ciò che è della ragione e facendo emergere dai testi la verità: ovvero, dice Odifreddi, che "Mosè, Gesù e il papa sono nudi".

Tutti i libri di Piergiorgio Odifreddi

Voto medio del prodotto:  3.5 (3.5 di 5 su 13 recensioni)

5Odifreddi il Salvatore, 26-09-2016
di - leggi tutte le sue recensioni
È la definizione più giusta per il matematico impertinente che mostra grande coraggio nell'andare a spiegare l'insensatezza del credere a vecchi miti del passato. Unisce il suo talento e metodo logico a un grande studio della materia: oltre 800 note e citazioni, tanto per far capire come Odifreddi non inventi nulla, ma "semplicemente" si limiti ad analizzare e dunque a far emergere i tantissimi e profondi punti errati di questi scritti su cui è stato montato qualcosa che, anche fra molti anni, quando l'umanità avrà fatto quel passo avanti, resterà nella storia come il più gigantesco caso di misunderstanding.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
1Delusione, 31-03-2011, ritenuta utile da 7 utenti su 19
di - leggi tutte le sue recensioni
Sono cristiano e sono ingegnere. L'ho acquistato per conoscere il pensiero e le tesi di un matematico ateo. Non mi aspettavo perciò di leggere argomentazioni tanto deboli e stupide. Se l'autore è in buona fede, come non credo, allora è ignorante.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5Il re è nudo? Ragione e religione, 12-02-2011, ritenuta utile da 4 utenti su 4
di - leggi tutte le sue recensioni
Ho letto alcuni libri di P. Odifreddi, uomo di scienza fine e intelligente, i suoi scritti lo dimostrano senza tema di smentita.
Libro critico e quanto mai avvincente che evidenzia l'inconsistenza storica, l'assurdità e l'illogicità di molte affermazioni presenti nelle Scritture e nella storia della Chiesa.
Ben documentato e facilmente verificabile, non lascia terreno fertile per l'opinabilità, il re è nudo.
Se poi vogliamo ignorare (temporaneamente?) la "ragione", le porte sono aperte.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4Un attacco dati in mano, 24-11-2010, ritenuta utile da 5 utenti su 10
di - leggi tutte le sue recensioni
L'ateo convinto Odifreddi si prende gioco, a rigor di logica, delle sacre scritture. Il tono a tratti saccente fa però perdere di mira la questione centrale: spiegare a chi crede in che cosa crede, un Dio vendicativo e misogino (basterebbe leggere il vecchio testamento, ma anche i comandamenti) . Interessante poi la questione economica: se lo Stato italiano "sconta" - per la gioia dei credenti - una decina di miliardi all'anno alla Chiesa, perché tale salasso deve pesare anche sui non credenti?
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4Perché non possiamo essere cristiani, 11-11-2010, ritenuta utile da 4 utenti su 9
di - leggi tutte le sue recensioni
Se si crede che "l'anticlericalismo sia oggi piu' una difesa della laicita' dello Stato che un attacco alla religione della Chiesa", bisogna leggerlo.
Dati alla mano (testi sacri e non, fatti, numeri) Odifreddi e' impietoso. Non avevo mai letto o sentito da nessuna parte (neanche durante l'ora di
religione al liceo) che dai 10 comandamenti ne e' stato tolto uno (perche'...) e, per tornare a 10, un altro e' stato diviso in due, o che questi sono quasi identici ad alcune tra le dichiarazioni d'innocenza
rivolte alle divinita' della corte di Osiride, ma ammetto di non aver approfondito. Una voce in piu' (certo, faziosa, ma come le altre 100 a cui
si oppone), per farsi un'idea.
Documentato
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Leggi anche le altre recensioni su Perché non possiamo essere cristiani (e meno che mai cattolici) (13)