€ 8.25€ 11.00
    Risparmi: € 2.75 (25%)
Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi

Disponibile in altre edizioni:

Il parafulmine e lo scopone scientifico. Come diventare un vero leader nel lavoro e nella vita
€ 17.00 € 15.30
Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come
Il parafulmine e lo scopone scientifico. Come diventare un vero leader nel lavoro e nella vita

Il parafulmine e lo scopone scientifico. Come diventare un vero leader nel lavoro e nella vita

di Gian Paolo Montani


Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi

 Questo prodotto appartiene alla promozione  Bur

Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"

Descrizione del libro

Sedersi al bar di Traversetolo per giocare una mano di scopone scientifico con il vecchio Tito, detto "Il Migliore", è impresa che richiede coraggio, nervi d'acciaio e talento. Anche per chi è abituato a sfide sportive di altissimo livello. Ma il solo talento basta per conquistare grandi vittorie? O piuttosto è necessario un capo che spinga i propri uomini oltre i loro limiti, che abbia il carisma per farsi seguire, che sappia tutelare e valorizzare il lavoro del gruppo, gestire le sconfitte e le vittorie? E soprattutto: capi si nasce o si diventa? È questa la domanda centrale dalla quale muove Gian Paolo Montali per analizzare i meccanismi di leadership con il suo stile unico, nello stesso tempo profondo e ironico, semplice e ricco di riferimenti e aneddoti. E, facendo ricorso alla sua straordinaria esperienza di uomo di sport e di azienda (cinque Scudetti, sedici coppe, un Mondiale, due campionati europei e un argento alle Olimpiadi in venticinque anni di pallavolo, prima di sedere nel Consiglio di Amministrazione della Juventus ed essere Direttore generale della Roma), svela i suoi segreti, introduce concetti innovativi come quelli di impollinazione e contaminazione, smentisce tanti luoghi comuni che vorrebbero il buon capo autoritario e tutto d'un pezzo, o che "squadra che vince non si tocca".