€ 23.75€ 25.00
    Risparmi: € 1.25 (5%)
Spedizione GRATUITAsopra € 25
Normalmente disponibile in 4/5 giorni lavorativi

Ne hai uno usato?
Vendilo!
Punti di ritiroScegli il punto di consegna
e ritira quando vuoiScopri come
L' organismo di diritto pubblico e l'organizzazione in house

L' organismo di diritto pubblico e l'organizzazione in house

di Dario Casalini

  • Editore: Jovene
  • Data di Pubblicazione: 2009
  • EAN: 9788824314862
  • ISBN: 8824314864

PromozionePromozione SCONTOMASSIMO
Carta docenteAcquistabile la Carta del docente

Indice

- Il lavoro si propone di studiare la definizione di organismo di diritto pubblico, quale categoria di amministrazione aggiudicatrice tenuta all'osservanza della disciplina europea sugli appalti pubblici, esaminandone le origini nell'ordinamento francese ed evidenziando le questioni interpretative che solleva negli ordinamenti nazionali degli stati membri (con particolare riferimento, oltre all'ordinamento giuridico italiano, a quello spagnolo e a quello britannico). A seguito di un'approfondita disamina dei tre requisiti che definiscono l'organismo di diritto pubblico (personalità giuridica, influenza pubblica dominante e carattere non industriale e commerciale) emerge la possibilità di qualificare molte delle ipotesi che la giurisprudenza riconduce alla nozione di organismo di diritto pubblico come esempi di organizzazioni in house. L'ente in house è soggetto al controllo di un'amministrazione aggiudicatrice tradizionale (stato, enti territoriali o associzioni tra questi) e destina la parte principale della propria attività nei confronti o per conto di questa: per tale ragione costituisce una forma alternativa all'appalto pubblico per il reperimento delle prestazioni di lavori, servizi o forniture da parte di una pubblica amministrazione.Sommario:I. La nozione comunitaria di organismo di diritto pubblico e la giurisdizione esclusiva del giudice amministrativo.
- II. La nozione comunitaria di organismo di diritto pubblico e la sua origine nell'ordinamento francese.
- III. L'influenza pubblica dominante. Il finanziamento maggioritario. Il controllo strutturale e il controllo sull'attività.
- IV. Il carattere industriale o commerciale e gli aiuti di stato alle imprese.
- V. La personalità giuridica e le forme associative.
- VI. Le prestazioni "in house" verso o per conto dell'ente e la gestione dei servizi pubblici.