€ 14.50
Fuori catalogo - Non ordinabile
Punti di ritiroScegli il punto di consegna
e ritira quando vuoiScopri come
Oratori devoti. combattenti spirituali, soldati di Cristo

Oratori devoti. combattenti spirituali, soldati di Cristo

di Stefano Zen


  • Editore: Loffredo
  • Data di Pubblicazione: settembre 2012
  • EAN: 9788875645922
  • ISBN: 8875645922
  • Pagine: 160
  • Formato: brossura
18AppCarta docenteAcquistabile con il Bonus 18app
o la Carta del docente

Voto medio del prodotto:  5 (5 di 5 su 1 recensione)

5Percorsi della perfezione cristiana, 10-01-2013, ritenuta utile da 4 utenti su 4
di - leggi tutte le sue recensioni
La 'perfectio' costituisce nella prima età moderna un obiettivo-cardine del cattolico impegnato nel suo itinerario verso il trascendente. In tale contesto, la letteratura d'impianto controriformistico e la produzione ascetica esortano vivamente ad abbracciare la milizia cristiana, ponendosi come meta la perfezione della vita spirituale.
In questo libro, intitolato Oratori devoti, combattenti spirituali, soldati di Cristo. Percorsi della perfezioni cristiana in Italia nella prima età moderna, l'autore prende in esame tematiche strettamente connesse tra loro: Filippo Neri e i suoi discepoli alle prese con l'ideale della perfezione' negli esercizi dell'Oratorio; la storia della milizia cristiana in età tridentina e postridentina; il modello di agonismo religioso espresso dal Combattimento spirituale dei Teatini, composto in forma anonima da Lorenzo Scupoli; l'impegno militante del gesuita Roberto Bellarmino e la fortuna europea del suo austero programma ascetico; la diffusione della letteratura del soldato cristiano, dovuta essenzialmente all'influenza di un'opera come Il soldato christiano di Antonio Possevino e prerogativa quasi esclusiva della Compagnia di Gesù, come testimoniano gli altri autori ignaziani Pedro de Ribadeneira, Thomas Sailly, Francisco Arias, Piotr Skarga e Matthaeus Bembus.
Mentre la Controriforma devota amministra a fini pedagogici itinerari individuali di fede e di comprensione dei simboli religiosi, facendone l'esaltazione del sacro, Caravaggio riporta invece il dibattito sul terreno drammatico della testimonianza religiosa di vita intesa come ricerca. Nella Deposizione Merisi conferisce assai probabilmente a Nicodemo il volto del Baronio, che indica un ulteriore percorso della perfezione' : ritornare alle fonti più autentiche della fede e alla purezza della Chiesa apostolica.
Ne deriva un libro che esplora temi e problemi nuovi, o meritevoli di approfondimento, nel quadro tutt'altro che omogeneo della Controriforma e di alcune particolari esperienze di riforma religiosa caratterizzate, nel caso della sensibilità oratoriana, da un ritorno alla perfezione' della Chiesa primitiva.
Ritieni utile questa recensione? SI NO