€ 23.75€ 25.00
    Risparmi: € 1.25 (5%)
Spedizione GRATUITAsopra € 25
Disponibile in 3/4 giorni lavorativi
Punti di ritiroScegli il punto di consegna
e ritira quando vuoiScopri come
Notai. Scrivere documenti nell'Italia medievale

Notai. Scrivere documenti nell'Italia medievale

di Attilio Bartoli Langeli

  • Editore: Viella
  • Collana: I libri di Viella
  • Data di Pubblicazione: marzo 2006
  • EAN: 9788883342011
  • ISBN: 8883342011
  • Pagine: 269
  • Formato: brossura
Carta docenteAcquistabile la Carta del docente

Descrizione del libro

La storia del notariato italiano è tema di grande interesse per gli studiosi della società e delle istituzioni medievali, se non altro perché sono di mano notarile gran parte delle fonti d'archivio tramandate da quel periodo. L'autore propone questa storia attraverso l'esame diretto dei documenti scritti da alcuni notai, che operarono in periodi diversi: dapprima il notariato longobardo e italico, poi il cambiamento del XII secolo, infine il solido professionismo due-trecentesco. Troviamo un toscano, un padovano, molti perugini e umbri; un capitolo verte sul confronto tra i notariati genovese e veneziano, e un altro insiste sulla situazione bolognese. Al di là dei luoghi, gli esempi valgono a rappresentare fenomeni di portata nazionale.


Acquistali insieme

Gli utenti che comprano Notai. Scrivere documenti nell'Italia medievale acquistano anche I documenti pontifici nel Medioevo e nell'età moderna di Thomas Frenz € 14.25
Notai. Scrivere documenti nell'Italia medievale
aggiungi
I documenti pontifici nel Medioevo e nell'età moderna
aggiungi
€ 38.00

Voto medio del prodotto:  4.5 (4.5 di 5 su 2 recensioni)

4Notai. Scrivere documenti nell'Italia medievale, 06-07-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Essenzialmente una sintesi di quella che fu la grande storia del notariato, si articola sotto molteplici punti di vista: come storia di un CETO, che tra IX ed XI secolo è molto compatto, in quanto detentore della scrittura, bene molto importante nella società oligoalfabeta del tempo, come storia della DOCUMENTAZIONE, come storia DELLE ISTITUZIONI, in quanto la prerogativa notarile di dare un carattere di "pubblicità" alle azioni dei soggetti privati, discende da una concessione dell'autorità (laica o ecclesiastica) , che si pone come sorgente del diritto ed infine come storia INTELLETTUALE, infatti anche laddove i notai utilizzano un lessico ed una struttura frasale che farebbe impallidire ogni buon classicista, si tratta di un'operazione intellettuale che sceglie la chiarezza e la possibilità di rendersi intellegibili ai rogatari che di norma sono meno acculturati.
Ciò che trasuda maggiormente dalle pagine di questo testo è comunque la grande esperienza dell'autore, capace di destreggiarsi tra i notai medievali di tutta Italia.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5Un libro magistrale sul notariato medievale, 02-07-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Lo studio di Bartoli Langeli sulla storia del notariato si articola sotto molteplici punti di vista: come storia di un CETO, che tra IX ed XI secolo è molto compatto, in quanto detentore della scrittura, bene molto importante nella società oligoalfabeta del tempo, come storia della DOCUMENTAZIONE, come storia DELLE ISTITUZIONI, in quanto la prerogativa notarile di dare un carattere di "pubblicità" alle azioni dei soggetti privati, discende da una concessione dell'autorità (laica o ecclesiastica), che si pone come sorgente del diritto ed infine come storia INTELLETTUALE, infatti anche laddove i notai utilizzano un lessico ed una struttura frasale che farebbe impallidire ogni buon classicista, si tratta di un'operazione intellettuale che sceglie la chiarezza e la possibilità di rendersi intellegibili ai rogatari che di norma sono meno acculturati.
Ciò che trasuda maggiormente dalle pagine di questo testo è comunque la grande esperienza dell'autore, capace di destreggiarsi tra i notai medievali di tutta Italia.
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Ultimi prodotti visti