€ 9.75€ 19.50
    Risparmi: € 9.75 (50%)
Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi

Disponibile in altre edizioni:

Tra la nostalgia dell'estate e il gelo dell'inverno
€ 12.50 € 10.62
Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come
Tra la nostalgia dell'estate e il gelo dell'inverno

Tra la nostalgia dell'estate e il gelo dell'inverno

di Leif G. W. Persson


Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi
  • Editore: Marsilio
  • Collana: Farfalle
  • Traduttore: Puleo G.
  • Data di Pubblicazione: giugno 2004
  • EAN: 9788831781855
  • ISBN: 8831781855
  • Pagine: 587
  • Formato: brossura

 Questo prodotto appartiene alla promozione  Remainders -50%

Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"

Descrizione del libro

Quando John Krassner, giornalista dello Stato di New York, precipita dal quindicesimo piano di una casa dello studente di Stoccolma, non sembrano esserci dubbi: si è suicidato. Nella sua stanza viene trovata una lettera d'addio e il caso è destinato a essere archiviato. Alcuni particolari però spingono Lars M. Johansson, investigatore della polizia criminale, a non avere troppa fretta. Ben presto un'indagine di semplice routine si trasforma nella più grande inchiesta mai condotta in Svezia. Anche i "vicini" dei Servizi di sicurezza sembrano molto interessati alla figura di Krassner, che stava lavorando a un manoscritto, forse un romanzo, intitolato "La spia che andò a Est". Per quale motivo Krassner era venuto in Svezia?

I libri più venduti di Leif G. W. Persson

Tutti i libri di Leif G. W. Persson

Voto medio del prodotto:  4 (4.3 di 5 su 3 recensioni)

4Tra la nostalgia dell'estate , 20-07-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Un ottimo giallo introspettivo alla agatha christie, ma carente dal punto di vista dell'azione pura. A Persson non interessa tanto A COSA (il crimine) si arriva ma COME (ci si arriva) . Casualit, stupidit umana, impotenza e morale, sostanziale assenza di veri buoni e veri cattivi. Una versione direi "demoltiplicata" e nordica di Ellroy (paragone azzardato, ma a me é venuto spontaneo). Comunque lettura consigliata a chi cerca un romanzo-romanzo magari con retroscena politico, molto meno a chi dal Thriller si aspetta colpi di scena a ripetizione
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5Non soltanto un romanzo..., 01-10-2010, ritenuta utile da 2 utenti su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
Il romanzo racconta le vicende che portarono all’omicidio del primo ministro svedese e ricostruisce ciò che in quel periodo accadde nei vertici della polizia, dei servizi segreti e del mondo politico.

Una parte degli uomini dei servizi segreti e della polizia è ostile al primo ministro, ai socialisti e alle loro idee. In personalità di alto livello degli apparati dello stato si era fatta strada la convinzione che il primo ministro fosse al servizio dei russi, antagonisti storici degli svedesi. Il conflitto, che divide polizia e servizi segreti e oppone una parte dei loro uomini ai vertici del potere politico, riguarda questioni rilevanti della società e dello stato svedesi: l’immigrazione, lo stato sociale e assistenziale, la parità fra i sessi, i costumi sessuali, il rapporto fra i cittadini e lo stato.

In questo quadro va ad inserirsi l’iniziativa dei servizi segreti Usa, che volevano mandare un segnale di disapprovazione al primo ministro svedese per iniziative ostili soprattutto nel campo della politica estera; essi agiscono attraverso un loro anziano dirigente e il nipote. L’anziano dirigente dei servizi Usa in anni lontani aveva reclutato per i servizi Usa l’allora giovane primo ministro, che per un periodo non breve aveva lavorato per essi ed era stato finanziato. Successivamente il giovane svedese aveva deciso di interrompere la collaborazione con i servizi Usa, i quali si erano convinti che fosse passato al servizio dei sovietici. Di ciò era persuaso anche l’anziano dirigente dei servizi Usa.
Quando le politiche del primo ministro svedese erano divenute non amichevoli per il governo degli Usa, il nipote dell’anziano dirigente si era accinto a scrivere e pubblicare un libro, nel quale i fatti relativi alla vita giovanile del primo ministro svedese sarebbero stati raccontati.

Nel romanzo ad uccidere il primo ministro furono uomini dei servizi segreti svedesi, che intesero fare giustizia di una persona che consideravano al servizio dello straniero e che a loro parere offendeva il sentire profondo del suo popolo; un contributo non banale a tutta la vicenda viene dai servizi segreti Usa, che volevano contrastare le politiche del governo svedese e soprattutto le sue iniziative sul panorama internazionale. Per quanto riguarda i servizi segreti Usa si potrebbe parlare di omicidio preterintenzionale, in quanto la loro intenzione era quella di mandare un avvertimento al primo ministro svedese.

Alcune considerazioni sulla parte politica.
Nel romanzo vengono trattati temi politici di rilievo per tutti gli stati democratici: fra essi di grande importanza il rapporto fra gli organi dello stato eletti democraticamente e gli uomini della pubblica amministrazione a cominciare dagli apparati più delicati: forze armate, polizia, servizi segreti.
Per quanto riguarda il quadro politico svedese esso appare assai più lacerato di quanto potrebbe pensare un osservatore esterno; la divisione così grave che contrappone uomini dello stato corrisponde con tutta probabilità ad una analoga divaricazione nella società svedese.
Dopo i molti anni di governo socialista si poteva pensare ad una maggiore unità sulle scelte di fondo.
L’autore è insegnante alla scuola nazionale di polizia ed è stato consulente del ministero della Giustizia e dei servizi segreti; attraverso il romanzo, quindi con tutte le prudenze e le attenuazioni, che si debbono ad un’opera non di storia, ha voluto formulare alcune ipotesi ragionate su un delitto che sconvolse la Svezia e suscitò profonda emozione in tutto il mondo, nel quale Palme era una delle personalità politiche più note ed apprezzate nell’ambito della sinistra.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4L'inverno dei sentimenti, 23-07-2010, ritenuta utile da 3 utenti su 3
di - leggi tutte le sue recensioni
Strani libri, quelli del Sig. Persson. Voluminosi, ricchissimi di particolari, e molto interessanti, perché mescolano realtà e finzione, avvenimenti realmente accaduti con personaggi di fantasia, che probabilmente riflettono l’interpretazione dell’autore, esperto di criminologia. Abbastanza difficile da seguire, è un giallo, ma non è una lettura leggera, richiede concentrazione per il gran numero di personaggi, di filoni d’indagine. Altra caratteristica singolare è l’antipatia dei personaggi: sono tutti, chi più chi meno, sgradevoli, detestabili, meschini, cattivi. Non ho trovato un solo personaggio positivo in tutta la storia, nemmeno negli altri libri della serie, non si salva nessuno. Comunque, da leggere.
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Prodotti correlati

Gli altri utenti hanno acquistato anche...

Ultimi prodotti visti