€ 16.66€ 17.00
    Risparmi: € 0.34 (2%)
Normalmente disponibile in 10/15 giorni lavorativi (difficile reperibilità)
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come

Ne hai uno usato?
Vendilo!
La normativa sull'olio d'oliva nel diritto agroalimentare italocomunitario

La normativa sull'olio d'oliva nel diritto agroalimentare italocomunitario

di Olindo Lanzara


Normalmente disponibile in 10/15 giorni lavorativi (difficile reperibilità)

Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"

Descrizione del libro

n un’epoca in cui la competizione globale spinge alla delocalizzazione produttiva, alla ricerca dell’abbattimento dei costi di produzione, l’origine di una merce assume una forte connotazione evocativa.
Nella valorizzazione della qualità e della trasparenza della filiera degli oli di oliva vergini s’innesta una terminologia relativamente nuova, il “Made in Italy”, il cui valore ha origini molto profonde e lontane.
In tale prospettiva, la regolamentazione giuridica delle attività di produzione e distribuzione dell’olio vergine d’oliva, con l’entrata in vigore della legge n. 9/2013, sembra porre l’accento sulla centralità della persona-consumatore, collocata in un sistema “bilanciato”, che non si risolve in un pregiudizio aprioristico delle ragioni dell’impresa, ma tende ad una tutela giuridica della “concorrenza qualitativa”, di strategica importanza per Paesi nei quali è presente una prestigiosa e lunga cultura alimentare.
Il consumatore non è infatti la mera “interfaccia” dell’azienda, ma, al contrario, rappresenta la persona nella globalità della sua esperienza.
Senza trascurare, peraltro, l’apporto della comparazione giuridica e del diritto comunitario, né l’approccio empirico del Modern British food law, attraverso l’esame della “nuova” legislazione, la presente analisi tenta di individuare le ragioni del difficile equilibrio fra dinamiche di mercato e tutela della libertà individuale.