€ 47.50€ 50.00
    Risparmi: € 2.50 (5%)
Disponibile in 3/5 giorni lavorativi
Punti di ritiroScegli il punto di consegna
e ritira quando vuoiScopri come

Nomadic Homes. Architecture on the move. Ediz. italiana, spagnola e portoghese

di Philip Jodidio

  • Editore: Taschen
  • Collana: Varia
  • Data di Pubblicazione: novembre 2017
  • EAN: 9783836562348
  • ISBN: 3836562340
  • Pagine: 400
  • Formato: rilegato
18AppCarta docenteAcquistabile con il Bonus 18app
o la Carta del docente

Descrizione del libro

Esistono case ambulanti di ogni forma e misura. Ci sono case per ricchi e per poveri, per gusti raffinati e per i meno fortunati. L'idea di migrare verso luoghi nuovi in cui mettere radici è vecchia come il mondo, e se un tempo la partenza era legata al mutare delle stagioni, oggi spostarsi può essere semplicemente una forma di svago. Questo volume ricco di immagini, scritto e curato da Philip Jodidio, raccoglie alcuni tra gli esempi più straordinari di abitazioni itineranti. A cominciare dal grande ritorno dei caravan Airstream, passando per yacht incredibili, come il Motor Yacht A di Philippe Starck, questa panoramica non accenna a fermarsi e passa in rassegna le migliori soluzioni in fatto di camper e tende, fino ad arrivare ai jet privati di categoria A319 o Boeing 737, vere e proprie regge volanti per pochi privilegiati. Sull'altro piatto della bilancia, troviamo le dimore di fortuna per chi è costretto a una vita sulla strada, come i rifugi progettati dall'architetto Shigeru Ban, vincitore del Pritzker Prize. Pagina dopo pagina, il libro ci mostra come lo spirito nomade dei nostri antenati cacciatori-raccoglitori sia ancora vivo in noi, donne e uomini della modernità. Se da un lato l'architettura si è sviluppata ricercando un senso di stabilità, legato a una vita sedentaria, l'era moderna ha portato con sé una nuova consapevolezza dello spazio e del tempo limitati, un'idea di futuro e un'aspettativa di vita senza grandi pretese. Non c'è pensiero più moderno del desiderio irrefrenabile di spostarsi, eguagliato forse solo dal desiderio di crescere, ma comunque con la voglia di spostarsi. Come disse l'antico filosofo cinese Lao Tzu: "Un buon viaggiatore non ha un piano prestabilito e non è teso verso una meta". Ciò che conta è il viaggio in sé, e questo libro ne è la prova.