€ 12.69€ 13.50
    Risparmi: € 0.81 (6%)
Spedizione a 1 euro sopra i € 25
Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
Quantità:

Disponibile in altre edizioni:

Nemesi medica. L'espropriazione della salute
€ 12.96 € 13.50
Normalmente disponibile in 10/15 giorni lavorativi (difficile reperibilità)
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come
Nemesi medica. L'espropriazione della salute

Nemesi medica. L'espropriazione della salute

di Ivan Illich


  • Editore: Red Edizioni
  • Collana: Economici di qualità
  • Traduttore: Barbone D.
  • Data di Pubblicazione: agosto 2013
  • EAN: 9788857304977
  • ISBN: 8857304973
  • Pagine: 304
  • Formato: brossura
Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"

Descrizione del libro

Ivan Illich conduce in questo suo libro una serrata analisi critica che demitizza l'istituzione medica. L'estrema medicatizzazione della società e la gestione professionale del dolore e della morte appaiono a Illich come l'esempio paradigmatico di un fenomeno di dimensioni più ampie. La "nemesi medica", cioè la "vendetta", la minaccia per la salute quale conseguenza di una crescita eccessiva dell'organizzazione sanitaria, è infatti solo un aspetto della più generale "nemesi industriale", cioè degli effetti paradossali e delle ricadute negative di uno sviluppo abnorme della tecnologia e dei servizi. Scritto nel 1976, questo libro è oggi considerato un classico del moderno pensiero radicale.

Tutti i libri di Ivan Illich

Voto medio del prodotto:  5 (5 di 5 su 1 recensione)

5La medicina e' una scienza?, 08-02-2016
di - leggi tutte le sue recensioni
Un testo oggi più che mai attuale, in quanto le "profezie" di Ivan Illich in tema di medicalizzazione e farmacologizzazione della Vita sembrano essersi avverate e nel pieno del loro compimento. Quando Illich diceva infatti che la iatrogenesi avrebbe espropriato il singolo della propria salute, affermava esattamente ciò che accade oggi nel mondo medico allopatico, ove soggetto della scienza medica è la malattia in quanto tale e non la persona malata, come ci si aspetterebbe se la considerassimo, al contrario, arte, ritornando così ad un umanesimo della medicina.
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Ultimi prodotti visti