€ 4.41€ 4.90
    Risparmi: € 0.49 (10%)
Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi

Disponibile in altre edizioni:

Come le mosche d'autunno
Come le mosche d'autunno(2007 - brossura)
€ 10.00 € 7.50
Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come
Come le mosche d'autunno

Come le mosche d'autunno

di Irène Némirovsky


Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi
  • Editore: Garzanti Libri
  • Collana: I grandi libri
  • Data di Pubblicazione: febbraio 2017
  • EAN: 9788811811329
  • ISBN: 8811811325
  • Pagine: 96
  • Formato: brossura

Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"

Trama del libro

La vecchia nutrice Tat'jana Ivanovna ha consacrato la propria vita a educare i figli della nobile famiglia Karin. Quando la rivoluzione russa travolge il suo mondo, li segue prima a Odessa, poi a Parigi, nel piccolo quartiere di Ternes. Qui i sopravvissuti di un mondo scomparso si aggirano, appunto, "come le mosche d'autunno"...

I libri più venduti di Irène Némirovsky

Tutti i libri di Irène Némirovsky

Voto medio del prodotto:  4 (4.3 di 5 su 6 recensioni)

4Come le mosche d'autunno, 04-08-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
E' stupefacente vedere quanto ha lasciato la Nemirovsky nonostante sia morta a soli 26 anni. Qui poi con un tema che affronta con facilità. Infatti, si parla di una famiglia russa colta nel momento della rivoluzione e del suo ripararsi a Parigi, cercando di re-inventarsi una ragione di vivere. Forse trovandola, ma prima girando per quasi tutto il tempo un po' intontita come le mosche in autunno. Il tutto visto dalla vecchia balia, la Tatiana Ivanovna che aveva cresciuto il padre Nikolaj, e poi i di lui figli, Jurij, Kirill, Loulou, Andrej. Con i suoi occhi vediamo l'incomprensibile, questi contadini che si ribellano ai padroni, questi padroni che non sanno più che fare. Solo lei riesce a dare un po' di sostanza a questa famiglia che si sta disgregando. Aspettando, là vicino alla Senna, che venga la sua neve, la neve dura, fredda e ristoratrice della sua steppa. Si sente la partecipazione nella scrittura di qualcosa che la Némirovsky ha visto ben da vicino. Ed immagino il piacere degli allora emigrati russi, lì, intorno a Saint André des Arts a leggere delle immense distese, delle case dai soffitti alti e via discorrendo. Un piccolo quadretto, un 10x15 che fa vedere poche cose, ma se queste sono dipinte dalla mano di un Rembrandt, molto hanno da comunicarci. Non segue certo la Némirovsky nel voler sospendere i giudizi sulle cose del mondo, ma riconosco la capacità di rappresentare mondi in poche pagine.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5Come le mosche d'autunno, 12-07-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Anche qui la nemirovski ci abbacina con le sue doti da scrittrice di razza. La storia della vecchia "tata" della famiglia nobile russa travolta dalla bufera della Rivoluzione d'Ottobre e approdata a Parigi dove vive in ristrettezze è raccontata con una delicatezza impensabile in una ragazza di poco più di vent'anni. La sua fine ad Auschwitz ci riempie di dolore e di rabbia: tra le loro mille barbarie i nazisti annoverano anche quella di avere privato l'umanità di una grande scrittrice. Un'ultima osservazione: in Francia il libro è stato pubblicato nel 1931, da noi soltanto adesso e dopo il successo di "Suite Francese", "Jezabel", "David Golder". Ma l'Italia è così distante culturalmente dalla Francia?
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5Come le mosche d'autunno, 12-07-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Anche qui la nemirovski ci abbacina con le sue doti da scrittrice di razza. La storia della vecchia "tata" della famiglia nobile russa travolta dalla bufera della Rivoluzione d'Ottobre e approdata a Parigi dove vive in ristrettezze è raccontata con una delicatezza impensabile in una ragazza di poco più di vent'anni. La sua fine ad Auschwitz ci riempie di dolore e di rabbia: tra le loro mille barbarie i nazisti annoverano anche quella di avere privato l'umanità di una grande scrittrice. Un'ultima osservazione: in Francia il libro è stato pubblicato nel 1931, da noi soltanto adesso e dopo il successo di "Suite Francese", "Jezabel", "David Golder". Ma l'Italia è così distante culturalmente dalla Francia?
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4Come le mosche d'autunno, 30-03-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Non vi dimenticherete facilmente del personaggio principale! Il libro più triste che abbia letto negli ultimi anni... La vecchia governante Tatjana Ivanovna che muore lentamente nel ricordo della sua Russia prerivoluzionaria che non è più e che ormai stanca e disorientata scompare per sempre nelle acque della Senna. C'è forse un'analogia proprio con la Russia presovietica, quella degli zar?
Le descrizioni sono sublimi; senti su di te i fiocchi di neve ghiacciata, il freddo, il caldo, gli odori e soprattutto... L'angoscia. Il libro più triste. Bello, ma tristissimo.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4Come le mosche d'autunno, 22-02-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Libro lento e malinconico, di certo non adatto a tutte le sensibilità. Triste e malinconico ma allo stesso tempo rassicurante, come la neve evocata da Tat'jana quando a Parigi c'è soltanto una coltre di nebbia natalizia. Veramente una piacevole sorpresa, non me l'aspettavo!
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Leggi anche le altre recensioni su Come le mosche d'autunno (6)


Ultimi prodotti visti