€ 8.55€ 9.00
    Risparmi: € 0.45 (5%)
Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi

Disponibile in altre edizioni:

Il mondo deve sapere. Romanzo tragicomico di una telefonista precaria
€ 12.00 € 10.20
Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Il mondo deve sapere. Romanzo tragicomico di una telefonista precaria

Il mondo deve sapere. Romanzo tragicomico di una telefonista precaria

di Michela Murgia


Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi

Trama del libro

Nel gennaio 2006 Michela Murgia viene assunta nel call center della multinazionale americana Kirby, produttrice del "mostro", l'oggetto di culto e devozione di una squadra di centinaia di telefoniste e venditori: un aspirapolvere da tremila euro, "brevettato dalla NASA". Mentre, per trenta interminabili giorni, si specializza nelle tecniche del "telemarchètting" e della persuasione occulta della casalinga ignara, l'autrice apre un blog dove riporta quel che succede nel call center: metodi motivazionali, raggiri psicologici, castighi aziendali, dando vita alla grottesca rappresentazione di un modello lavorativo a metà tra berlusconismo e Scientology. Un racconto sul precariato in Italia, che fa riflettere, incazzare e, miracolosamente, ridere. Fino alle lacrime. Questo primo romanzo dell'autrice sarda ha ispirato il film di Paolo Virzì, "Tutta la vita davanti".

I libri più venduti di Michela Murgia

Tutti i libri di Michela Murgia

Acquistali insieme

Gli utenti che comprano Il mondo deve sapere. Romanzo tragicomico di una telefonista precaria acquistano anche Introduzione a De Amicis di Bruno Traversetti € 11.28
Il mondo deve sapere. Romanzo tragicomico di una telefonista precaria
aggiungi
Introduzione a De Amicis
aggiungi
€ 19.83

Voto medio del prodotto:  3.5 (3.6 di 5 su 9 recensioni)

4.0Il mondo deve sapere, 15-03-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
molto interessante; svela retroscena su uno dei lavori più diffusi negli ultimi anni: telefonista di call-center. I trucchi per far raggirare le resistenze e le esitazioni della casalinga per piazzare il prodotto, le tecniche per convincere all'acquisto di cose assolutamente inutili.
Un libro che consiglio a tutti, anche solo per conoscere una nuova (e triste) realtà.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0La tragicomica realta', 17-09-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Michela Murgia affronta in prima persona il tema del precariato. Lo fa con un linguaggio ironico e lapidario che si capisce bene fosse quello usato per il blog dal quale il libro e' nato. Una storia come altra purtroppo, raccontata con sprezzante lucidita' e acida ironia. Meravigliosamente vera la definizione che da' di "Co. Co. Pro".
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Il mondo deve sapere, 13-07-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Nonostante mi sia piaciuto non credo che riesca a meritare il voto massimo. Iniziamo a dire cosa c'è che mi suona male in questo libro. Non è il fatto che sia nato come un blog che poi è stato cancellato in seguito alla pubblicazione: chissenefrega. La rappresentazione interna del call center Kirby credo anche sia in buona parte vera: avrei al più dei dubbi sulle "slide motivazionali", ma non ho elementi per giudicare. Quello che è strano è da un lato la chiusura brusca della storia, e i veri motivi per cui una persona "con studi di teologia" (terza di copertina) abbia fatto prima la callcenterista e ora la receptionist. Perché il libro è scritto davvero bene, e te ne accorgi già dalle prime pagine, dietro la prosa fintamente banale con frasi brevi e giustapposte; e ovviamente applica l'equivalente letterario delle tecniche di intortamento della "moglie del signor Mario"... Con la scusa che il libro è definito come "romanzo" e quindi ufficialmente di vero non c'è nulla. Ad ogni modo, la lettura la merita. Un'ultima nota sul libro inteso come oggetto: a parte il vezzo di colorare di rosso il bordo delle pagine come un racconto pulp, devo dire che la carta che Isbn edizioni usa è davvero molto bella.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Una triste realtà, 31-05-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Il breve racconto in questione rappresenta la triste realtà in cui si scontrano i giovani d'oggi, anche se ho recentemente scoperto che il resoconto dell'esperienza della Murgia riguarda giovani e meno giovani. Precariato, sfruttamento della forza giovanile, utopia di un mondo lavorativo fondato sulla sana competizione, antagonismo sfrenato, questa è la storia. Sono veramente poche le persone che non abbiano avuto una prima esperienza lavorativa simile. Questo racconto è veramente lo specchio della realtà italiana.
Per fortuna l'autrice stempera i toni con un linguaggio divertente e canzonatorio, affibbiando nomignoli e ironizzando sulla sua stessa situazione. Molto diverso dal film TUTTA LA VITA DAVANTI.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
2.0Leggetelo per commentare, 06-03-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Più che romanzo tragicomico mi sembra un romanzo spiacevole sulla storia del precariato. Da parte di chi vuole in tutti i modi far sembrare tutto negativo. Io vedo invece nella politica adottata da parte dei dirigienti sui telefonisti precari uno stimolo alla speranza e alla positività. Non son proprio daccordo con la visione data dell'autrice... Leggetelo per commentare.
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Leggi anche le altre recensioni su Il mondo deve sapere. Romanzo tragicomico di una telefonista precaria (9)


Prodotti correlati

Altri utenti hanno acquistato anche