€ 9.50€ 10.00
    Risparmi: € 0.50 (5%)
Spedizione GRATUITAsopra € 25
Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi
Punti di ritiroScegli il punto di consegna
e ritira quando vuoiScopri come

Il mito di Sisifo

di Albert Camus

  • Editore: Bompiani
  • Collana: I grandi tascabili
  • Edizione: 12
  • Traduttore: Borelli A.
  • Data di Pubblicazione: gennaio 2001
  • EAN: 9788845246425
  • ISBN: 8845246426
  • Pagine: XXXIV-137
  • Formato: brossura
18AppCarta docenteAcquistabile con il Bonus 18app
o la Carta del docente

Descrizione del libro

Questo libro, pubblicato nei 1942, quando Camus non aveva ancora trent'anni, intende ripensare "la filosofia dell'assurdo" e si inserisce in una precisa tradizione che, da Kafka a Gide, da Kierkegaard a Nietzsche, offre una altissima testimonianza della crisi spirituale che caratterizza il Novecento. "Il mito di Sisifo" si configura come un'opera insieme di confessione e di riflessione filosofico-letteraria di un uomo che esce dalla giovinezza e prova a cimentarsi con il pensiero del suo tempo e, incrociando il ferro coi padri dell'esistenzialismo, mira a conquistarsi un pensiero originale. L' "assurdo" è una presa di coscienza preliminare a ogni regola di vita, ma segna solo un momento di passaggio. Il ragionamento rigoroso, unito a una fondamentale esigenza chiarificatrice, dimostra che anche la desolante dottrina dell'esistenzialismo, allora dominante, contiene qualche accenno di speranza. Prefazione di Corrado Rosso. Cronologia di Annalisa Ponti

I libri più venduti di Albert Camus

Vedi tutti

Voto medio del prodotto:  4 (4 di 5 su 1 recensione)

4L'assurdo e il suicidio, 06-07-2011, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Albert Camus indaga quello che considera il problema filosofico fondamentale, quello del suicidio. Vale o non vale la pena vivere? A questo interrogativo bisogna prima di tutto rispondere, il resto viene in seguito. La questione per Camus dev'essere trattata analizzando con fermezza il fenomeno dell'assurdo, quella cosa che una volta percepita inizia a tormentare la tua esistenza e che è alla base dello scollamento vita-individuo che porta poi, in alcuni casi, al suicidio.

E' un breve saggio molto interessante che meriterebbe forse maggiore considerazione.
Ritieni utile questa recensione? SI NO