€ 13.16€ 14.00
    Risparmi: € 0.84 (6%)
Spedizione a 1 euro sopra i € 25
Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
Quantità:
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come
Minima mercatalia. Filosofia e capitalismo

Minima mercatalia. Filosofia e capitalismo

di Diego Fusaro


  • Editore: Bompiani
  • Collana: Tascabili. Saggi
  • Data di Pubblicazione: marzo 2012
  • EAN: 9788845270130
  • ISBN: 8845270130
  • Pagine: 504
  • Formato: brossura

Descrizione del libro

La modernità è anche la storia del nesso di tensione, adattamento e contrasto tra la filosofia e l'assolutizzazione del mercato in cui si condensa lo spirito del capitalismo. Sulle orme di Hegel e di Marx, il libro delinea una fenomenologia dello spirito del capitalismo condotta sui due piani della storia della modernità e delle principali figure del pensiero che l'hanno animata. Massima alienazione dell'uomo rispetto alle proprie potenzialità ontologiche, l'odierno monoteismo del mercato è la prima società in cui regna sovrano il principio metafisico dell'illimitatezza, il "cattivo infinito" della norma dell'accumulazione smisurata del profitto a scapito della vita umana e del pianeta. In questo scenario, la filosofia resta il luogo del rischio assoluto: infatti, essa è il luogo della possibile resistenza al nichilismo della forma merce e, insieme, della sua eventuale legittimazione in stile postmoderno. Saggio introduttivo di Andrea Tagliapietra.

Tutti i libri di Diego Fusaro

Acquistali insieme

Gli utenti che comprano Minima mercatalia. Filosofia e capitalismo acquistano anche Santi Romano ontologo del diritto di Alessandro Olivari € 28.80
Minima mercatalia. Filosofia e capitalismo
aggiungi
Santi Romano ontologo del diritto
aggiungi
€ 41.96

Voto medio del prodotto:  5 (5 di 5 su 1 recensione)

5Molto bello, 21-05-2012, ritenuta utile da 3 utenti su 4
di - leggi tutte le sue recensioni
In questo splendido saggio l'autore rovescia tutte le categorie dominanti all'interno dell'asfittico dibattito contemporaneo: i Presocratici sono presentati come legislatori comunitari della polis; il pensiero medievale come un'onto-teologia dell'essere sociale in cui Dio è anche metafora del bonum commune; Fichte, Hegel e Marx come la "coscienza infelice" della borghesia; Cartesio come l'avviamento dell'oblio dell'essere sociale; il Postmoderno come la razionalizzazione del disincanto e la rassegnata accettazione della logica illogica del mondo del mercato; destra e sinistra come categorie obsolete incapaci di interrogare il "capitalismo speculativo" odierno. Il libro chiede insomma una metànoia (una conversione intesa come "meta-nous") , e soprattutto il coraggio di guardare nel cannocchiale in cui i Bellarmino di oggi si rifiutano ostinatamente di guardare
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Ultimi prodotti visti