€ 10.81€ 11.50
    Risparmi: € 0.69 (6%)
Normalmente disponibile in 2/4 giorni lavorativi
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Meritocrazia. 4 proposte concrete per valorizzare il talento e rendere il nostro paese più ricco e più giusto

Meritocrazia. 4 proposte concrete per valorizzare il talento e rendere il nostro paese più ricco e più giusto

di Roger Abravanel


Normalmente disponibile in 2/4 giorni lavorativi

Descrizione del libro

"Il merito? Ah, ma in Italia non esiste!" Lo sappiamo tutti, il nostro è il paese delle raccomandazioni, delle clientele, delle famiglie, delle caste, delle corporazioni, delle oligarchie, delle mafie. Un solo dato: l'Italia è la società più ineguale dell'Occidente. Ha grandissime disuguaglianze tra ricchi e poveri (come gli USA) e al tempo stesso è uno dei paesi con la minore mobilità sociale: i poveri da noi restano poveri per sempre e in maniera ineluttabile. Questo sistema sta provocando danni gravissimi al paese, che perde ogni giorno posizioni in uno scenario globalizzato sempre più competitivo: da almeno 15 anni in Italia la ricchezza aumenta meno che negli altri paesi sviluppati. Ma come possiamo rimettere in moto una società così statica? Come sfidare una casta politica ancora legata agli schemi di un'economia industriale, quando siamo ormai diventati da tempo un'economia di servizi? La soluzione ci arriva da realtà più dinamiche ed efficienti della nostra, a partire da USA e Inghilterra. Prefazione di Francesco Giavazzi.

Tutti i libri di Roger Abravanel

Acquistali insieme

Gli utenti che comprano Meritocrazia. 4 proposte concrete per valorizzare il talento e rendere il nostro paese più ricco e più giusto acquistano anche La teologia fondamentale e la sua dimensione di apologia. Teologia della credibilità di Giuseppe Tanzella Nitti € 48.00
Meritocrazia. 4 proposte concrete per valorizzare il talento e rendere il nostro paese più ricco e più giusto
aggiungi
La teologia fondamentale e la sua dimensione di apologia. Teologia della credibilità
aggiungi
€ 58.81

Voto medio del prodotto:  3.5 (3.5 di 5 su 2 recensioni)

4IL MERITO DIMENTICATO, 15-01-2018
di - leggi tutte le sue recensioni
Opera davvero molto interessante ed utile, frutto di una profonda conoscenza dell'assunto e di una mentalità aperta e cosmopolita, maturata in anni di attività in giro per il mondo.

Analisi rigorosa ed attenta che spiega molto bene molti aspetti della nostra identità e di certe nostre negative tradizioni. L'autore mette a nudo, l'inclinazione italiana ad ignorare il merito per premiare la militanza. Espone la nostra tendenza a preferire il ricorso alle solite raccomandazioni, di autorità, politici, parenti ed amici.

Mostra come, al contrario nelle Università straniere, soprattutto americane, scandinave e di Singapore, si valorizzano la competenza, dovendo superare prove per accedervi e per farvi carriera, mentre nelle nostre si va avanti con le spintarelle; ragione per cui nella qualità della ricerca continuano a perdere posizioni.

L'autore dimostra di aver analizzato con molta competenza il tema. Commenta le distorsioni che derivano dalle eredità storiche che ci caratterizzano; inducendo gli Italiani a portarsi quel fardello che pesa sulle spalle di chi deve affrontare sempre nuovi ostacoli in genere, che danneggiano in maniera particolare il profitto degli studenti.

Il prezzo che si paga per il vizio di premiare l'anzianità, il demerito, sia nel corpo accademico, dell'amministrazione pubblica, nella magistratura e spesso perfino nelle imprese private italiane; dove la gente entra per uscirne solo per andare in pensione. Ciò genera una scarsissima mobilità sociale.

Così, la ricerca e l'innovazione nel nostro Paese ormai vanno alla deriva, mentre i nostri migliori scienziati, se vogliono progredire e fare qualcosa di concreto, devono emigrare all'estero dove oltre ad essere meglio retribuito possono far carriera come ottimi ricercatori.

Insomma, tutto il nostro modello politico è sotto accusa che, con questo modello, non solo non stimola il progresso, ma impedisce di creare nuova ricchezza da distribuire. Infatti, per oltre mezzo secolo si disprezza il libero mercato, a agendo favore di un dannoso immobilismo. Così, questo deleterio sistema sostiene un'equivoca solidarietà istituzionalizzata che inibisce l'azione positiva degli individui.

La connivenza con i noti corporativismi, che si chiudono su se stessi, impediscono che la libera iniziativa favorisca una spontanea seleziona a favore della qualità, della competenza e del merito.

In fine, un'unica critica: l'autore esagera davvero a ricorrere a continue ripetizioni termini ed espressioni stranieri che nella maggior parte dei casi hanno un equivalente nella nostra bella lingua. Per questo una stella in meno a quella che, a mio giudizio, meriterebbe.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3Meritocrazia, 17-03-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Molto interessante questo bel libro di Roger Abravanel, per diversi motivi. Innanzitutto perchè in un certo senso mettendo il dito nella piaga, entra a piedi uniti nella questioni forse in questo momento più spinosa al centro del dibattito pubblico nel nostro paese, cioè la meritocrazia appunto, analizzando cause e possibili e sperabili rimedi.
Ritieni utile questa recensione? SI NO