€ 12.48€ 13.00
    Risparmi: € 0.52 (4%)
Normalmente disponibile in 2/4 giorni lavorativi
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come
Il menu

Il menu

di Sergio Sozi


Normalmente disponibile in 2/4 giorni lavorativi
  • Editore: Castelvecchi
  • Collana: Narrativa
  • Data di Pubblicazione: luglio 2009
  • EAN: 9788876153303
  • ISBN: 8876153306
  • Pagine: 105
  • Formato: brossura

Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"

Trama del libro

2046. L'Italia è una leggenda metropolitana. Viviamo tutti in Buruguay, capitale Washington. Parliamo una neolingua conosciuta come angloitalo. Solo qualche nostalgico - letterato, naturalmente - scrive ancora in italiano, consapevole di non avere più referenti e di non avere più pubblico. New Miami è il nome di ciò che rimane dell'antica Roma: una città ridotta a 5647 abitanti, stando alle statistiche più rassicuranti. Difficile credere che in passato la pizza fosse una specialità italiana, tutti sanno che è il piatto per eccellenza dei newyorchesi e che nello Stivale è proibita per legge. Difficile credere che in passato esistessero giornali: oggi come oggi, abbiamo solo tre testate, di quattro pagine l'una. Romantico pensare che un tempo i cittadini parlassero al telefono, guardassero la televisione, guidassero addirittura automobili. Tutte cose sinceramente poco credibili. Eppure tutto questo si legge nel diario di un vecchio poeta, Cesare Menicucci. Il diario è stato composto nel 2003, proprio l'anno in cui l'ultima biblioteca italiana, malinconicamente, dovette chiudere i battenti. A romanzare questa storia un letterato nato a Roma, oggi italiano all'estero: Slovenia. Curioso.

Recensioni degli utenti

Scrivi una nuova recensione su Il menu e condividi la tua opinione con altri utenti.


Voto medio del prodotto:  5 (5 di 5 su 1 recensione)

5Come saremo nel 2050?, 23-09-2009, ritenuta utile da 3 utenti su 4
di - leggi tutte le sue recensioni
Sergio Sozi ha innati il senso e il sentimento dell'italianità, probabilmente ancor più vivo in quanto residente all'estero, in una terra dove, peraltro, esistono nostri numerosi connazionali che mai hanno perso la loro identità, e ciò nonostante guerre, spostamenti di confini e finanche diaspore.
Non poteva pertanto rimanere indifferente alla situazione di un'Italia i cui abitanti hanno abiurato inconsciamente le loro origini, gettandosi, nel servilismo più totale e masochista, fra le braccia di altre civiltà, in primis quella americana.
Siamo diventati così una colonia in cui scimmiottare gli usi di altri, i padroni, che invece assorbono da noi, adattando alle loro esigenze, le nostre ormai scomparse tradizioni culturali.
Sozi, che è un cultore dell'italianità, della nostra lingua, della nostra letteratura non poteva restare indifferente a questa abdicazione di coscienza collettiva e ha voluto parlarne a suo modo, con la sottile ironia che gli è propria.
Ha ideato, così, e scritto un romanzo fantastico, in una versione distopica, immaginando il nostro paese nel non così lontano futuro 2050.
La visione catastrofica, di una nazione che non è più nazione, viene abilmente stemperata da un atteggiamento satirico, che muove anche al riso per le nostre disgrazie, e proprio per questo resta l'amaro in bocca.
La scoperta di un diario del vecchio poeta Cesare Menicucci, ormai scomparso, offre all'io narrante, tale Lukin Philipucci,
i resti archeologici di quella che fu una grande civiltà, estintasi nel 2003 quando venne chiusa l'ultima biblioteca italiana.
Dopo quella data si entra in una nebbia letteraria, in cui predominano strani linguaggi, tutto fuorché l'italiano, e cessa la memoria, non tramandata alle nuove generazioni, con una perdita così dell'identità nazionale, ma anche della personalità individuale. Il nostro paese è ormai decaduto, spopolato, e nemmeno l'ombra di ciò che era.
E' forse superfluo che dica che la visione dell'Italia, effettuata a ritroso, sulla scorta di questo diario, in cui i versi di Menicucci scandiscono gli eventi, come fossero le portate di un vero e proprio menu, è quella, pari pari, che abbiamo sotto i nostri occhi, con una popolazione avulsa dalla realtà e che vive di apparenza, in cui ritmi e comportamenti sono scanditi da mode sì imposte, ma a cui ben volentieri ci si adegua, insomma una società di quasi decerebrati, in preda alla perenne convinzione che l0uso della mente sia solo compito di chi tiene le redini del paese.
La struttura nazionale così si disgrega, con edifici fatti di cartapesta che crollano al primo sboffo d'aria, con un ricorso a una lingua diventata del tutto incomprensibile, anzi atta a generare ancor più confusione in gente non adusa a leggere testi di qualità, ma solo soporiferi romanzetti atti alla conservazione di uno stato di perniciosa indifferenza.
E con l'incapacità di comunicare arriva l'impossibilità di tramandare ad altri, così che le origini e le tradizioni, tutto ciò che è cultura, viene ad essere dimenticato.
Ma come è potuto accadere uno scempio del genere?
Leggete questo "divertente" romanzo e lo saprete, con un'avvertenza, però: è vero che si tratta di fantasia, ma è purtroppo ben ancorata alla realtà. Quindi Il menù non è stato scritto solo per rallegrare, per far trascorrere bene qualche ora di lettura, ma è un monito preciso, affinché ci attiviamo per non ridurci come i futuri Lukin Philipucci.
Ah, un'ultima annotazione: state attenti alla lingua in uso nel 2050, perché è una vera chicca.
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Ultimi prodotti visti