€ 11.90€ 14.00
    Risparmi: € 2.10 (15%)
Disponibilità immediata solo 1 pz.
Ordina entro 17 ore e 57 minuti e scegli spedizione espressa per riceverlo venerdì 23 agosto Scopri come
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come
La mente del viaggiatore. Dall'Odissea al turismo globale

La mente del viaggiatore. Dall'Odissea al turismo globale

di Eric J. Leed


Disponibilità immediata solo 1 pz.
  • Editore: Il Mulino
  • Collana: Storica paperbacks
  • Traduttore: Mannucci J.
  • Data di Pubblicazione: maggio 2007
  • EAN: 9788815118592
  • ISBN: 8815118594
  • Pagine: 386
  • Formato: brossura

Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"

Descrizione del libro

Perché il viaggio agisce come una forza che muta il corso della storia? Come può una semplice transizione spaziale influenzare gli individui, plasmare i gruppi sociali e modificare profondamente quelle strutture di significato che chiamiamo cultura? Leed studia le alterazioni dell'identità personale e della civiltà indotte dal viaggio - il viaggio reale, ma anche quello metaforico che ci porta a chiamare "trapasso" la morte e "cammino" la vita -, cogliendo nell'esperienza della mobilità territoriale un modello di trasformazione culturale, temporale, psicologica. Thttavia, dai tempi delle perigliose prove di Gilgamesh e Ulisse al fidente "tutto compreso" del turismo di massa, il significato simbolico del viaggio è mutato radicalmente. Se nell'Antichità e nel Medioevo attraverso pericoli e cimenti si attingeva una purificazione interiore, con i grandi viaggi scientifici in epoca moderna viaggiare diventa fonte di libertà e di svelamento dell'io. Infine, nella società industriale, transitare da un luogo all'altro permette all'uomo di riconoscersi un'appartenenza nazionale e insieme un'identità personale.

Voto medio del prodotto:  4 (4 di 5 su 1 recensione)

4Molto interessante ed esauriente, 05-05-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Più che un saggio, un trattato molto accademico (e accattivante) su come il viaggio è visto, vissuto e configurato nelle varie società del mondo. Un'opera leggermente dispersiva, che però mette in gioco e indaga con arguzia tesi sociali, storiche, antropologiche e culturali e fa riflettere. A volte, secondo me, però un po' troppo prolisso e copioso di citazioni.
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Ultimi prodotti visti