€ 18.52€ 19.50
    Risparmi: € 0.98 (5%)
Spedizione GRATUITAsopra € 25
Disponibile in 2/3 giorni lavorativi
Punti di ritiroScegli il punto di consegna
e ritira quando vuoiScopri come
Mazinga nostalgia. Storia, valori e linguaggi della Goldrake-generation 1978-1999

Mazinga nostalgia. Storia, valori e linguaggi della Goldrake-generation 1978-1999

di Marco Pellitteri

  • Editore: Coniglio Editore
  • Edizione: 3
  • Data di Pubblicazione: gennaio 2008
  • EAN: 9788860631183
  • ISBN: 8860631181
18AppCarta docenteAcquistabile con il Bonus 18app
o la Carta del docente

Descrizione del libro

Che differenza c'è tra Capitan Harlock e il Corsaro Nero? Qual è lo scarto linguistico fra le avventure di Superman e quelle di Jeeg Robot d'Acciaio? Come inserire Candy Candy nella tradizione del feuilleton? Attraverso una minuziosa indagine incrociata, Marco Pellitteri s'interroga sui molteplici rapporti (e talvolta sui conflitti) che intercorrono tra gli eroi della tradizione e quelli delle generazioni cresciute con personaggi multimediali spesso provenienti dal Giappone. "Mazinga Nostalgia", qui presentato in una nuova edizione riveduta e aggiornata, esamina gli eroi del pubblico giovanile in una fase cruciale della nostra Storia, l'ultimo ventennio del Novecento, quando gli anime - i disegni animati giapponesi - segnarono in maniera indelebile la nostra cultura e provocarono uno scontro generazionale portando il pubblico adulto a rifiutare in blocco la cosiddetta "invasione nipponica". Con una particolare attenzione alle strategie della comunicazione, il libro sfata definitivamente luoghi comuni e pregiudizi, e passa in rassegna ambienti culturali, generi narrativi e personaggi che ancora oggi alimentano la mitologia televisiva della "Goldrake-generation", come l'autore la definiva già nel 1999.


Voto medio del prodotto:  3 (3 di 5 su 1 recensione)

3Autoreferenziale., 28-07-2009, ritenuta utile da 2 utenti su 3
di - leggi tutte le sue recensioni
Opera interessante, anche se decisamente prolissa. Il tema portante è la comparazione tra fumetti e disegni animati di differenti generazioni finalizzata ad una critica serrata dell'atteggiamento di sprezzante (e spesso ignorante) rifiuto ed ostilità che l'animazione giapponese ha frequentemente suscitato nell'opinione pubblica italiana nel secolo scorso. Tuttavia, l'analisi risente comunque troppo del punto di vista occidentale e concede davvero poco, rispetto alla mole della trattazione, alla reale comprensione ed alla conoscenza del "fenomeno anime". Lascia dubbiosi, inoltre, la classificazione dei generi in base alle categorie tipiche della letteratura occidentale, con pochissimo spazio riservato alla classificazione demografica e tematica nipponica. È sostanzialmente un testo di sociologia che riguarda più "noi" che "loro". Ma del resto il titolo è abbastanza chiaro in proposito.
Ritieni utile questa recensione? SI NO