€ 9.35€ 11.00
    Risparmi: € 1.65 (15%)
Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi

Disponibile in altre edizioni:

Manoscritto trovato a Saragozza
€ 18.00 € 15.30
Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi
Manoscritto trovato a Saragozza
€ 18.08 € 15.37
Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come
Manoscritto trovato a Saragozza

Manoscritto trovato a Saragozza

di Jan Potocki


Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi
  • Editore: Adelphi
  • Collana: Gli Adelphi
  • Edizione: 7
  • A cura di: R. Caillois
  • Traduttore: Devoto A.
  • Data di Pubblicazione: aprile 1990
  • EAN: 9788845907487
  • ISBN: 8845907481
  • Pagine: XXXII-255
  • Formato: brossura

Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"


I libri più venduti di Jan Potocki

Tutti i libri di Jan Potocki

Acquistali insieme

Gli utenti che comprano Manoscritto trovato a Saragozza acquistano anche Misteri e curiosità di Faenza e delle vicine valli appenniniche di Eraldo Baldini € 11.05
Manoscritto trovato a Saragozza
aggiungi
Misteri e curiosità di Faenza e delle vicine valli appenniniche
aggiungi
€ 20.40

Voto medio del prodotto:  3.5 (3.5 di 5 su 4 recensioni)

4Labirintico e onirico, 29-03-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Un libro composto con un criterio speculare a quello delle scatole cinesi: ogni capitolo ci apre un mondo fantastico in cui operano signori, briganti, eremiti, stregoni, fattucchiere, donne bellissime, gitane ammaliatrici e demoni maligni. Ogni parte, ogni pagina è un viaggio in un labirinto narrativo che coinvolge senza svelare la via d'uscita che dovrà essere trovata dal lettore ultimando anche lui il suo viaggio e il suo affrontare i fantasmi che albergano nella sua anima.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
2Manoscritto trovato a Saragozza, 05-08-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Pesante, molto pesante, si fa una fatica immane a seguire tutti i fili narrativi, considerato da Caillois e dai surrealisti come uno dei precursori del fantastico e designato da Tzvetan Todorov, nella sua Introduzione alla letteratura fantastica, come il modello del fantastico estraniato probabilmente, nella sua versione integrale, è anche qualcosa in più. I suoi vari segmenti coprono anche il romanzo gotico, il romanzo di formazione, il romanzo libertino, il romanzo picaresco. E tanti altri. Il Manoscritto, infatti, intreccia storie quasi tutte ambientate in Spagna, con una grande massa di protagonisti: gitani, ladri, inquisitori, un geometra, una cabalista con sorella, due principesse moresche e il personaggio narrante, il vallone Alfonso van Worden. Ed in questo complesso romanzo " a cassetti", ben presto salgono alla testa i paragoni con il Decamerone o le Mille e una Notte. Quello che dopo un po' mi ha stancato è il ripetersi (anche se nelle forme diverse) di uno schema più o meno simile: A ama B ma c'è un impedimento, C aiutanon aiuta A o B, poi narra C e riprende lo schema. Non si può certo negare che Ian non abbia una fervida inventiva ma 1) le sparate sulla geometria sono da saltare a piè pari; 2) la storia dell'ebreo errante è mega-pallosa; 3) le cronologie che ogni tanto inzeppa sono o da eliminare (ah, gli editor) o da commentare. Credo che un lavoro di revisione e commento ne renda giustizia più del suo proporsi nudo e crudo. Una sacher torte, ma con troppa marmellata.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4Manoscritto trovato a Saragozza, 05-10-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Si tratta di una selezione; il "Manoscritto" integrale è immenso, e temo che Adelphi abbia avuto l'occhio lungo quando decise di sforbiciare in abbondanza: un libro così si legge con piacere se è di duecento pagine, ma se si prolunga per tre o quattro volte tanto, diventa un guazzabuglio. Solo che al tempo di Potocki gli editor non esistevano.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4Manoscritto trovato a Saragozza , 25-09-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Limare per anni il pomo d'argento della teiera per costruire la pallottola del suicidio, come fa l'autore, dà il senso di una vita ben spesa.
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Gli altri utenti hanno acquistato anche...

Ultimi prodotti visti