€ 7.00
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 

Disponibile in altre edizioni:

Manifesto per la soppressione dei partiti politici
€ 6.00 € 3.00
Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come
Manifesto per la soppressione dei partiti politici

Manifesto per la soppressione dei partiti politici

di Simone Weil


Prodotto momentaneamente non disponibile
  • Editore: Castelvecchi
  • Collana: Etcetera
  • Traduttore: Regattin F.
  • Data di Pubblicazione: febbraio 2008
  • EAN: 9788876152344
  • ISBN: 8876152342
  • Pagine: 96
  • Formato: brossura

Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"

Descrizione del libro

Il semplice uso delle parole democrazia e repubblica obbliga a interrogarsi con estrema attenzione sulle seguenti questioni: come dare all'uomo la possibilità di esprimere il proprio giudizio sui grandi problemi della vita pubblica? Come impedire che circoli tra il popolo, nel momento in cui sta esprimendo la sua volontà, una sorta di rabbia distruttiva collettiva? Non è possibile parlare di legittimità repubblicana senza pensare a queste due domande. Non è facile trovare delle soluzioni, ma è evidente, dopo un attento esame, che qualsiasi soluzione implica, prima di tutto, la soppressione dei partiti politici. Pubblicato per la prima volta nel 1950, a sette anni dalla scomparsa dell'autrice, il manifesto di "Simone l'eretica" venne interpretato come una lancinante profezia antistalinista: un testo in cui si afferma che aderire all'ideologia di un partito, in determinate condizioni storiche, significa rinunciare a pensare.

I libri più venduti di Simone Weil

Tutti i libri di Simone Weil

Voto medio del prodotto:  5 (5 di 5 su 1 recensione)

5Eccellente, 10-05-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Un inno alla giustizia contro lo stalinismo dei partiti comunisti della seconda parte degli anni quaranta, ma in un'ottica estremista, libertaria, da anarchica contro i dogmatismi, è anche e soprattutto un invito a rivoltarsi alle chiese ideologiche e al pensiero iperconformista. Una fuga dalla politica professionale del '900.
Ritieni utile questa recensione? SI NO