€ 8.46€ 9.00
    Risparmi: € 0.54 (6%)
Normalmente disponibile in 4/5 giorni lavorativi
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come
Mandami a dire

Mandami a dire

di Pino Roveredo


Normalmente disponibile in 4/5 giorni lavorativi
  • Editore: Bompiani
  • Collana: AsSaggi
  • A cura di: C. Magris
  • Data di Pubblicazione: aprile 2005
  • EAN: 9788845233913
  • ISBN: 884523391X
  • Pagine: 171
  • Formato: brossura

Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"

Trama del libro

Selezionate e introdotte da Claudio Magris, quattordici storie, istantanee epifanie del quotidiano, nelle quali si mescolano sapientemente realismo sanguigno, pietas, umorismo e slanci visionari. Sulla scia di Svevo, Saba e Scipio Slapater, Roveredo sviluppa l'antiletterarietà propria della narrativa triestina in cinque racconti dove l'esperienza vissuta infrange le regole del galateo narrativo. Pino Roveredo è nato nel 1954 a Trieste da una famiglia di artigiani. Dopo varie esperienze di vita disordinata, ha lavorato per anni come operaio in fabbrica. Scrittore e giornalista, fa parte di varie organizzazioni umanitarie che operano in favore delle categorie disagiate.

I libri più venduti di Pino Roveredo

Tutti i libri di Pino Roveredo

Acquistali insieme

Gli utenti che comprano Mandami a dire acquistano anche Alice senza meraviglie di Emanuela Mascherini € 11.90
Mandami a dire
aggiungi
Alice senza meraviglie
aggiungi
€ 20.36

Recensioni degli utenti

Scrivi una nuova recensione su Mandami a dire e condividi la tua opinione con altri utenti.


Voto medio del prodotto:  4 (4 di 5 su 3 recensioni)

3Mandami a dire, 12-02-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Se le intenzioni bastassero questi racconti potrebbero essere altrettanti capolavori. Però non basta avere cose da dire, bisogna anche saperle raccontare, convincere, far credere i lettori alle situazioni e ai personaggi. Roveredo troppo spesso si limita a esporre e reiterare il dolore, ma questo non basta ed è anzi controproducente, come controproducente è insistere troppo su un'idea (anche se è carina).
E poi troppi punti di sospensione, troppi punti esclamativi... A volte però non esagera, e ne escono allora dei bei racconti ("Mandami a dire", "Il maiale col fiocco", "I ragazzi di quarant'anni", "Brutti sgabuzzini", "Vola l'ucraino"). Peccato...
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4Mandami a dire, 03-11-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
E' un bel libro, è scritto bene, è vissuto, per quanto le storie possano essere autobiografiche o meno. I suoi personaggi sono figure dannate e forse condannate alla vita. Il linguaggio è schietto e sincero. La forma stilistica ti prende e ti accompagna. Bella scoperta
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5Piccole perle, 29-09-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Una serie di racconti molto belli, anche se talvolta molto tristi. Il secondo, quello che dà il titolo alla raccolta, è a mio avviso il migliore. Racconta la difficoltà di chi all'improvviso si trova a dovere affrontare una libertà inaspettata e neppure richiesta. Lo stile, a tratti inconsueto, rende particolare la scrittura dell'autore, estraneo alla letteratura fino ad età matura e protagonista di una vita vissuta spesso ai confini.
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Prodotti correlati

Ultimi prodotti visti