€ 9.60€ 10.00
    Risparmi: € 0.40 (4%)
Normalmente disponibile in 3/4 giorni lavorativi
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come
La libertà come metodo. Introduzione all'iniziazione liberomuratoria nelle sue relazioni con le pratiche del quotidiano

La libertà come metodo. Introduzione all'iniziazione liberomuratoria nelle sue relazioni con le pratiche del quotidiano

di Alessandro Sbordoni


Normalmente disponibile in 3/4 giorni lavorativi
  • Editore: Tipheret
  • Collana: Hod
  • Data di Pubblicazione: ottobre 2017
  • EAN: 9788864963174
  • ISBN: 8864963170
  • Pagine: 96
  • Formato: brossura

Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"

Descrizione del libro

È ravvisabile un'identità attuale della Libera Muratorìa moderna, che le consenta di slanciarsi verso il futuro? Per quanto suoni come un paradosso, si può rispondere a questa complessa domanda solo facendo della libertà, di quella libertà del tutto particolare che costituisce il fondamento stesso della Libera Muratoria, un vero e proprio metodo. Lavoro introspettivo e conoscenza di sé, comportamenti etici, dialogicità della comunicazione interpersonale, intreccio tra visione spirituale e vita concreta: l'iniziazione massonica coinvolge tutta la vita, fin nei più insignificanti aspetti del quotidiano. Pur conservando infatti l'iniziazione tutta la sua vertiginosa e profondissima spiritualità, essa deve però trovare un punto di applicazione nella realtà contestuale dell'iniziato: questo sembra essere il "messaggio", davvero attuale, di quel particolare tipo di iniziazione operativa e speculativa insieme che è l'iniziazione massonica. La deriva globalizzata dell'economia travalica ormai con evidenza gli stati nazionali, mettendo in crisi le conquiste di democrazia, uguaglianza e libertà delle quali la Massoneria è da sempre convinta portatrice. La Libera Muratoria mondiale ha quindi un'altissima responsabilità, non solo nei suoi stessi confronti ma anche nei confronti di tutta la nostra difficile e complessa epoca storica: la responsabilità di perseguire una civiltà futura davvero «umana», in tutta la complessità e «dignità» che tale termine comporta.