€ 14.40€ 18.00
    Risparmi: € 3.60 (20%)
Spedizione GRATUITAsopra € 25
Disponibile in 3/5 giorni lavorativi
Punti di ritiroScegli il punto di consegna
e ritira quando vuoiScopri come
Il lago dei sogni

Il lago dei sogni

di Salvatore Niffoi


  • Editore: Adelphi
  • Collana: Fabula
  • Data di Pubblicazione: marzo 2011
  • EAN: 9788845925559
  • ISBN: 8845925552
  • Pagine: 155
  • Formato: brossura

PromozionePromozione Adelphi
18AppCarta docenteAcquistabile con il Bonus 18app
o la Carta del docente

Trama del libro

La volta che Itria Panedda Nilis riprese a sognare era un pomeriggio di fine estate, con un sole che rosolava le carni e spaccava le pietre. A Melagravida i sogni se n'erano andati dopo una scossa di terremoto, "inseguiti dall'alito caldo della terra che si apriva come una melagrana". Ma quel giorno Itria Nilis - "conosciuta col nomignolo di Panedda per via delle sue carni morbide e bianche come il latte appena quagliato", e da un anno vedova inconsolabile - si era sentita come accesa da un fuoco, ed era corsa verso l'ovile del capraio Martine. Lui, quel fuoco che Itria aveva addosso, gliel'aveva spento volentieri - ma l'aveva pagata cara. E questo accadeva sulle rive del lago di Locorio - dove da allora hanno cominciato a verificarsi fatti assai strani. Il parroco ha un bel sostenere che non c'è nessun mistero, che è solo opera del Maligno: tutti lo sanno, anche se pochi hanno visto Itria Panedda "che si spoglia, canta e vola sopra le acque del lago". Così comincia questo romanzo di Salvatore Niffoi, che ancora una volta, sin dalle prime pagine, immerge il lettore in un'atmosfera magica e insieme concretissima, in cui la vita quotidiana di un paesino della Barbagia (fatta di fatica e di dolore, di miseria e di ferocia) si illumina di visioni in cui compaiono il diavolo e i morti ammazzati, ma anche madonne "con le tette grosse e dure, labbra alabastrine e capelli di seta" - e, sull'altare maggiore di un santuario abbandonato, finanche un dipinto raffigurante un grosso ragno.
«La volta che Itria Panedda Nilis riprese a sognare era un pomeriggio di fine estate, con un sole che rosolava le carni e spaccava le carni.» A Melagravida i sogni se n'erano andati dopo una scossa di terremoto, «inseguiti dall'alito caldo della terra che si apriva come una melagrana». Ma quel giorno Itria Nilis - «conosciuta come Panedda per via delle sue carni morbide e bianche come il latte appena quagliato», e da un anno vedova inconsolabile - si era sentita come accesa da un fuoco, ed era corsa verso l'ovile del capraio Martine. Lui, quel fuoco che Itria aveva addosso, gliel'aveva spento volentieri - ma l'aveva pagata cara. E questo accadeva sulle rive del lago di Locorio - dove da allora hanno cominciato a verificarsi fatti assai strani. Il parroco ha un bel sostenere che non c'è nessun mistero, che è solo opera del Maligno: tutti lo sanno, anche se pochi hanno visto Itria panedda «che si spoglia, canta e vola sopra le acque del lago». Così comincia questo romanzo di Salvatore Niffoi, che ancora una volta, sin dalle prime pagine, immerge il lettore in un'atmosfera magica e insieme concretissima, in cui la vita quotidiana di un paesino della Barbagia (fatta di fatica e di dolore, di miseria e di ferocia) si illumina di visioni in cui compaiono il diavolo e i morti ammazzati, ma anche madonne «con le tette grosse e dure, labbra alabastrine e capelli di seta» - e, sull'altare maggiore di un santuario abbandonato, finanche un dipinto raffigurante un grosso ragno meccanico che non è altro che un'astronave: la stessa rappresentata sul frontespizio stampato da Aldo Manuzio nel 1499...

I libri più venduti di Salvatore Niffoi

Tutti i libri di Salvatore Niffoi

Voto medio del prodotto:  3.5 (3.7 di 5 su 3 recensioni)

2C'è un po' troppa magia, 28-04-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Il secondo libro di Niffoi che leggo mi ha lasciato molte perplessità. Da un lato una bella scrittura e una certa tecnica di tratteggiare i personaggi dall'altro un romanzo che mescola credenze e leggende con la fantascienza in una storia che non ha nè capo nè coda. Inoltre l'uso di queste personalità femminili virtuose e candide alla Jorge Amado (non so come ma mi ha fatto venir in mente tanto Teresa Batista stanca di guerra) mi hanno stufato.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4Stupendo, 04-09-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Bellissimo questo libro... Coinvolge ed appassiona. Itria è ormai vedova da quattro anni e da quel triste giorno ha smesso completamente di sognare, ma un caldo pomeriggio di fine estate anche Itria inizia nuovamente a sognare. Una strana sensazione di stanchezza si impossessa di lei ed Itria sogna, un sogno che accende in lei una passione che credeva ormai persa.
Un romanzo che ci aiuta a comprendere l'importanza di continuare a sognare e ad amare.
Da leggere!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5Tra favola, 04-03-2011, ritenuta utile da 1 utente su 3
di - leggi tutte le sue recensioni
E realtà, il lettore è trasportato dalla fantasia dell'autore, incantato, volando sopra un lago insieme alla vedova inconsolabile dalla carne di latte appena quagliato. La favola dell'invenzione onirica insieme alla realtà dei fatti concreti della vita di tutti i giorni. Segreti e misteri...
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Ultimi prodotti visti