€ 20.00
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 

Disponibile in altre edizioni:

Kafka sulla spiaggia
Kafka sulla spiaggia(2013 - brossura)
€ 15.00 € 14.10
Disponibilità immediata
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Kafka sulla spiaggia

Kafka sulla spiaggia

di Haruki Murakami


Prodotto momentaneamente non disponibile
  • Editore: Einaudi
  • Collana: Supercoralli
  • Traduttore: Amitrano G.
  • Data di Pubblicazione: marzo 2008
  • EAN: 9788806186036
  • ISBN: 8806186035
  • Pagine: 522
  • Formato: rilegato
Un ragazzo di quindici anni, maturo e determinato come un adulto, e un vecchio con l'ingenuità e il candore di un bambino, si allontanano dallo stesso quartiere di Tokyo diretti allo stesso luogo, Takamatsu, nel Sud del Giappone. Il ragazzo, che ha scelto come pseudonimo Kafka, è in fuga dal padre, uno scultore geniale e satanico, e dalla sua profezia, che riecheggia quella di Edipo. Il vecchio, Nakata, fugge invece dalla scena di un delitto sconvolgente nel quale è stato coinvolto contro la sua volontà. Abbandonata la sua vita tranquilla e fantastica, fatta di piccole abitudini quotidiane e rallegrata da animate conversazioni con i gatti, dei quali parla e capisce la lingua, parte per il Sud. Nel corso del viaggio, Nakata scopre di essere chiamato a svolgere un compito, anche a prezzo della propria vita. Seguendo percorsi paralleli, che non tarderanno a sovrapporsi, il vecchio e il ragazzo avanzano nella nebbia dell'incomprensibile schivando numerosi ostacoli, ognuno proteso verso un obiettivo che ignora ma che rappresenterà il compimento del proprio destino. Diversi personaggi affiancano i due protagonisti: Hoshino, un giovane camionista di irresistibile simpatia; l'affascinante signora Saeki, ferma nel ricordo di un passato lontano; Òshima, l'androgino custode di una biblioteca; una splendida prostituta che fa sesso citando Hegel; e poi i gatti, che sovente rubano la scena agli umani. E infine Kafka. "Uno spirito solitario che vaga lungo la riva dell'assurdo".

Note su Haruki Murakami

Haruki Murakami nasce a Kyoto, il 12 gennaio 1949. Nel corso dell’anno successivo i suoi genitori, entrambi insegnanti di letteratura giapponese, si trasferiscono a Kobe, dove lo scrittore trascorre gli anni dell’infanzia e dell’adolescenza in un clima vivace e pieno di stimoli culturali. Da sempre diviso fra due grandi passioni – la musica e la letteratura – dopo essersi laureato alla prestigiosa Università Waseda, apre a Tokyo insieme alla moglie un piccolo jazz club, il Peter Cat. La vocazione alla scrittura arriva soltanto qualche anno dopo, verso la fine degli anni '70: da quel momento comincia per Murakami un nuovo percorso, che lo porta ad essere riconosciuto oggi come uno dei più grandi narratori contemporanei, letto e tradotto in tutto il mondo e amato da un’intera generazione per la complessità e la profondità quasi onirica delle sue storie.

I libri più venduti di Haruki Murakami:

Voto medio del prodotto:  4.0 (3.9 di 5 su 12 recensioni)

5.0Inusualmente fantastico, 30-01-2017
di - leggi tutte le sue recensioni
Murakami ambienta la sua storia ai limiti della realtà e spinge il lettore oltre i confini della razionalità. Una narrazione eccellente una sensazionale caratterizzazione dei personaggi. Consigliato!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Un capolavoro..., 04-12-2013, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Un romanzo completamente immerso nel mondo del Giappone, in cui i sogni, il rapporto con le anime dei morti e il loro interagire con i vivi sono la cornice di un racconto che tocca il fantastico, lo psicanalitico e il sentimentale.
Fortissimi alcuni temi toccati dal grande scrittore H. Murakami, tra cui spicca il rapporto con il padre e la madre del protagonista.
Il romanzo è avvincente, anche se non alle prime pagine che scorrono con difficoltà e che sembrano invitare il lettore a non continuare nella lettura. Ma il libro è come un motore diesel: parte lentamente per poi coinvolgerti e immergerti in una storia appassionate e piena di colpi di scena. Un libro che mi è stato prestato, ma che credo che comprerò al più presto per averlo nella mia biblioteca, nello scaffale delle grandi opere d'autore.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Pasolini giapponese?, 13-11-2013
di - leggi tutte le sue recensioni
Il libro più importante che ho letto negli ultimi anni.
Un viaggio tra maternità, paternità e maturità intrapreso da un adolescente che, scappando di casa, pensa di scappare dalla propria storia.
Un uomo reduce da un "incidente" infantile che è rimasto bambino. Amori che ancora si cercano. Vite che nascondono verità inconfessabili. "Kafka sulla spiaggia" è un viaggio con il proprio io nascosto, con le sue ferite curate dal sogno e dal viaggio nel mondo degli spiriti. Un capolavoro semplice e coinvolgente.
Uno di quei libri che io chiamo "pericolosi": ti si avvinghiano e non riesci a farne a meno finché arrivi alla fine e scopri un nuovo mondo
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Murakami, 16-05-2012, ritenuta utile da 1 utente su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
Questo libro l'ho trovato molto interessante. La lettura mi ha preso subito e non si riesce a smetterlo di leggere. Alcune parti però non sono molto chiare, o meglio, sembrano prive di significato. Sono stata attirata dal leggerlo per la curiosità di sapere di più rigurdo l'uomo che parla con i gatti. Non penso sia adatto ai più giovani.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Meraviglioso, 10-03-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Un titolo profondo e vasto, Kafka sulla spiaggia è forse l'opera più significativa dello scrittore Murakami, un'opera che mostra il talento nella capacità evocativa ed emotiva di una scrittura forte, piena e surreale. Il ritmo procede abbastanza lento e infatti non prende fin da subito. Tuttavia il libro si riscatta verso la metà.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Kafka sulla spiaggia, 10-08-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Di Murakami si è scritto tanto. Alcuni lo amano, altri lo disprezzano ritenendolo uno dei tanti scrittori new age sulla piazza, concordo con chi ha scritto che personaggi e trama (sin quasi la deludente fine, ovvio) erano perfetti, armonizzati suadentemente come in un brano di jazz che non devi per forza capire ma devi limitarti ad amare.
Un ragazzo di 15 anni, un bel giorno decide di scappare di casa, perché non gli par vita quella che deve affrontare quotidianamente accanto a suo padre. Attraversa il Giappone, e decide di fermarsi a Takamatsu dove, aveva letto, ha sede un'importante e particolare biblioteca. In viaggio e durante la sua permanenza a Takamatsu ha occasione di consocere diverse persone, particolari, che diventeranno molto importanti nella sua vita di lì a poco. Allo stesso modo, un anziano signore di nome Nakata, non proprio a postissimo con la testa, decide di intraprendere lo stesso viaggio, me per motivi decisamente diversi... La sua è una sorta di ricerca... La ricerca di quel ragazzino che lui non incontrerà mai perché, forse, è egli stesso. Le vicende dei due si alternano con regolarità, ogni volta che uno s'addormenta, l'altro inizia a vivere... Un po' come accadeva ne "I fiori blu" di Queneau. Ma questa è solo una mia congettura... Leggete il libro, che comunque merita, e sappiatemi dire!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Kafka sulla spiaggia, 26-07-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Anche qui abbiamo lo stile solito di Murakami, il viaggio in un mondo tra il reale e il fantastico. Un ragazzo inizia un viaggio. Un viaggio in cui la guida sono un corvo e un nome. Un nome scelto; non imposto da un padre e da una madre: Kafka.
Un percorso a ritroso attraverso una fotografia in cui i volti sono cancellati e corrosi da una memoria che tradisce i ricordi. Kafka deve ricostruire la propria memoria per costruire il proprio futuro. Perchè tutto parte da lì: da ciò che la vita ci ha dato e che noi possiamo ancora modificare. Una storia che è come l'ordito di un tappeto in cui il capo del filo è mescolato con altri fino a perdersi. Nella ricerca di quel primo filo da cui tutto il disegno è generato ci si avventura su sentieri in cui i legami di sangue diventano tali solo quando al dna si mescola anche l'anima. C'è, infatti, tanto sangue in questo libro: il sangue del padre che macchia Kafka; il sangue sulle mani innocenti di Nakata; il sangue malato di Oshima. Il sangue è il confine, oltre c'è la vita. Che passa attraverso meravigliose figure femminili. Lievi, cariche di umori, sospese come anime straniere nella notte, carnalissime. Le donne sono la porta attraverso cui ciò che deve accadere accade. Attraverso cui Kafka diventa uomo. Un viaggio nell'aldilà (o nell'aldiqua?) in cui la vita si rivela come la metafora di qualcosa che ognuno deve scoprire attraverso di sè, risalendo verso la sorgente.
Un libro di abbandoni, in cui, tuttavia si perde solo ciò che è superfluo: la pelle dismessa, per crearne una completamente nuova che si adatti al nuovo essere. Tutto il resto è gelosamente conservato in quella stanza segreta che Oshima così descrive 'Tutti perdiamo continuamente tante cose importanti (...) Vivere significa anche questo. Ma ognuno di noi nella propria testa-sì io immagino che sia nella testa- ha una piccola stanza dove può conservare tutte queste cose in forma di ricordi. Un pò come le sale di una biblioteca con tanti scaffali' . Questa è la biblioteca dell'anima; in quella biblioteca personale ci si rinnova attraverso il proprio passato: senza dimenticarlo, ma senza nemmeno esserne schiavi. Imparando ad diventare uomini liberi. Dal mondo e da se stessi.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0L'ineffabilità delle parole..., 01-10-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Indefinibile e ineffabile... una storia dove ognuno può vedere cosa vuole.. dove si possono interpretare i fatti a nostro piacimento senza poter dire è giusto o sbagliato....
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Kafka on the shore, 13-09-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Questo libro a mio parere ha delle grandi potenzialità, ma l'ho trovato troppo prolisso per i miei gusti...
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0originale ed onirico, 09-09-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Affascinante romanzo che combina sogno, fantascienza e mistero in un modo assulutamente originale rispetto alla cultura occidentale
Ritieni utile questa recensione? SI NO
2.0Un libro ben scritto, ma non eccelso, 19-07-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
La storia inizia in modo avvolgente e intricato. E fino al termine non si comprende come andrà a finire. Ma, a parte alcuni sprazzi di acume, non lascia la soddisfazione di una gran lettura.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0COMMOVENTE, 16-07-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Un libro commovente, intenso, scritto magnificamente. Con questo libro Murakami si conferma come uno dei massimi scrittori viventi. Da leggere, consigliato soprattutto a coloro che amano perdersi nella scrittura labirintica di Murakami, così ricca di simboli, allusioni, riferimenti alla cultura occidentale (lo si desume anche dal titolo).
Ritieni utile questa recensione? SI NO