€ 32.00
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come
John Phillips. Fotografo. Catalogo della mostra (Verona, 28 novembre 2010-30 gennaio 2011)

John Phillips. Fotografo. Catalogo della mostra (Verona, 28 novembre 2010-30 gennaio 2011)

 


Prodotto momentaneamente non disponibile
  • Editore: Silvana
  • Data di Pubblicazione: dicembre 2010
  • EAN: 9788836618767
  • ISBN: 8836618766
  • Pagine: 144
  • Formato: brossura

Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"

Descrizione del libro

John Phillips (1914-1996) è stato uno tra i grandi fotografi del XX secolo. Nato da padre gallese e madre americana crebbe in Medio Oriente e in Francia a contatto con una cultura cosmopolita e ricca di stimoli. Molto presto si dedicò alla fotografia e nel 1937 cominciò la sua collaborazione con la prestigiosa rivista "Life" come inviato in Europa. Il volume si compone di due parti. Una prima sezione presenta una selezione del suo lavoro di fotogiornalista dal 1937 al 1962: dalle feste dell'alta società inglese alla passeggiata di Sophia Loren sul set di un suo film, dalle origini del nazismo fino al ghetto di Varsavia in macerie. Dal ritratto di Saint-Exupéry, l'autore del Piccolo Principe, poco prima della partenza per il suo ultimo volo a quello del regista Erich von Stroheim seduto sulla sella trasformata in sgabello. Una seconda sezione presenta invece un reportage inedito di Phillips sull'ospedale psichiatrico di Verona, San Giacomo della Tomba, nel 1959. Giunto nella città veneta, ospite del cognato Michael Noble, che si occupava degli atelier artistici del Manicomio, John Phillips realizzò un servizio qui presentato con circa 80 fotografie. Si tratta di immagini di grande rigore formale e di forte impatto emotivo che esprimono, come scrive lo stesso Phillips, "una spaventosa sensazione di solitudine e un profondo senso di desolazione".