€ 15.67€ 16.50
    Risparmi: € 0.83 (5%)
Spedizione GRATUITAsopra € 25
Disponibile in 3/4 giorni lavorativi
Punti di ritiroScegli il punto di consegna
e ritira quando vuoiScopri come
Isolation rock. Storie di musica, quarantena e coronavirus

Isolation rock. Storie di musica, quarantena e coronavirus

di Fabrizio Barabesi


  • Editore: Arcana
  • Collana: Musica
  • Illustratore: D'Angelo F. K., Colombo R.
  • Data di Pubblicazione: ottobre 2020
  • EAN: 9788862319836
  • ISBN: 8862319835
  • Pagine: 176
  • Formato: brossura
18AppCarta docenteAcquistabile con il Bonus 18app
o la Carta del docente

Descrizione del libro

Il libro che avete tra le mani, mentre c'è chi continua a combattere il contagio in prima linea e chi si sta lentamente abituando al nuovo mondo in compagnia del Coronavirus, è il tentativo di utilizzare la musica per inventare delle playlist strettamente collegate all'isolamento. Uno spunto insolito per "ascoltare" con occhio differente la nuova realtà che ci circonda e che qualcuno aveva già profetizzato. E così si scopre infatti che di distanziamento sociale già parlava nel 1982 Renato Zero. Sì, proprio lui: il re dei sorcini nel pezzo Contagio cantava "Pericolo di contagio, che nessuno esca dalla città... l'isolamento è un dovere oramai... dare la mano è vietato". Un volume in note dedicato a quelle categorie di persone che con la loro dedizione finiranno nei libri di storia come i veri protagonisti di quest'emergenza planetaria. Il tutto passando attraverso decenni di rock'n'roll e scomodando anche delle icone come Giorgio Gaber che nel 1974, nel brano La peste, ispirandosi al flagello manzoniano intonava "Un bacillo che saltella / che si muove un po' curioso / un batterio negativo / un bacillo contagioso". Fino agli eccessi del black metal di gruppi come Pandemia o alla parodia di Bella ciao trasformata nella Canzone dell'amuchina: "Un'amuchina / mi son comprato / virus ciao / virus ciao / virus ciao ciao ciao". E su tutto aleggiano, per ricordare la gravità di ciò che ha cambiato per sempre molte delle nostre abitudini, le sonorità misteriose e ipnotiche di Björk che in Virus sussurra "Come un virus ha bisogno di un corpo... io busso alla tua pelle ed entro". Fortunatamente lei parlava d'amore.