€ 16.15€ 19.00
    Risparmi: € 2.85 (15%)
Spedizione a 1 euro sopra i € 25
Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come

Ne hai uno usato?
Vendilo!
L' invenzione della verità

L' invenzione della verità

di Bruno De Finetti



 Questo prodotto appartiene alla promozione  Sconti Potenti! Università  e Professionale
Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"

Descrizione del libro

I nostri concetti "non saranno mai i protagonisti di una commedia finita ove ciascuno ha la sua parte... saranno sempre i 'sei personaggi in cerca d'autore'". Bruno de Finetti (1906-1985), di cui ricorre quest'anno il centenario della nascita, non è stato soltanto un grandissimo matematico ma anche un filosofo nel senso più autentico della parola, capace di analizzare con spietato rigore le invenzioni della ragione per renderci comprensibile il mondo. Lo dimostrano queste pagine inedite del 1934, che vedono ora la luce grazie all'impegno della figlia Fulvia. A decenni di distanza, mentre infuria la polemica sul "relativismo", le parole di Bruno de Finetti, rivelano come i nostri valori si fondino "non su roccia ma su sabbia" e risultano più vive che mai.

Acquistali insieme

Gli utenti che comprano L' invenzione della verità acquistano anche La bellezza come metodo. Saggi e riflessioni su fisica e matematica di Paul A. Dirac € 14.70
L' invenzione della verità
aggiungi
La bellezza come metodo. Saggi e riflessioni su fisica e matematica
aggiungi
€ 30.85

Voto medio del prodotto:  4 (4 di 5 su 1 recensione)

4 L'invenzione della verità, 16-07-2011, ritenuta utile da 3 utenti su 3
di - leggi tutte le sue recensioni
E' un testo datato, uscito per la prima volta negli anni 30 del novecento e verte sui principi della filosofia della scienza. D'accordo, è difficile distinguere tra fondamenti della matematica e filosofia della matematica; ma in questo caso non ci sono molti dubbi, visto che di matematica non se ne parla proprio. La posizione filosofica definettiana parte dal pensiero di Hume; un empirismo rivisto alla luce delle geometrie non euclidee e soprattutto della fisica einsteniana, che portano l'autore verso il relativismo e il pragmatismo. D'altra parte, noi non possiamo essere certi di nulla; tornando alla probabilità, non possiamo nemmeno essere certi che lanciare una seconda volta una moneta sia la stessa cosa dell'averla lanciata la prima volta, né possiamo permetterci il lusso di considerare un numero infinito di eventi, anzi di fenomeni, il termine preferito dal de Finetti. Il saggio è preceduto da una lunga introduzione di Giulio Giorello, che ho trovato un po' noiosa ma mi è sicuramente servito per riuscire a entrare nel contesto filosofico; più interessante e anch'esso sicuramente utile un glossario che spiega i termini scientifici usati nel saggio.
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Prodotti correlati

Ultimi prodotti visti