€ 10.45€ 11.00
    Risparmi: € 0.55 (5%)
Spedizione GRATUITAsopra € 25
Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi
Punti di ritiroScegli il punto di consegna
e ritira quando vuoiScopri come

L' invenzione delle razze. Capire la biodiversità umana

di Guido Barbujani

  • Editore: Bompiani
  • Collana: Tascabili. Saggi
  • Data di Pubblicazione: giugno 2018
  • EAN: 9788845297915
  • ISBN: 8845297918
  • Pagine: 240
  • Formato: brossura
18AppCarta docenteAcquistabile con il Bonus 18app
o la Carta del docente

Descrizione del libro

La parola razza è tornata di moda. Ma siamo sicuri di sapere cosa significhi esattamente? E quanto dipendono dai nostri geni i rapporti fra persone di cultura diversa e le disuguaglianze sociali? Questo libro, attraverso un percorso storico-critico di grande fascino, ripercorre le tappe del dibattito sulle basi biologiche della diversità umana, dai primi tentativi di classificazione razziale fino ai moderni studi sul DNA. Ci racconta come la genetica sia riuscita a ricostruire le fasi più remote del cammino dell'umanità, dalle nostre origini africane alla colonizzazione dei cinque continenti, e come queste conoscenze smentiscano l'idea ottocentesca che l'umanità sia frammentata in gruppi biologicamente distinti, quei gruppi che in altre specie si chiamano razze.

Voto medio del prodotto:  4 (4 di 5 su 1 recensione)

4Il mito delle razze, 19-03-2012, ritenuta utile da 3 utenti su 4
di - leggi tutte le sue recensioni
Ottimo testo del genetista Barbujani, in un breve libro di divulgazione scientifica che spiega l'impossibilità di sostenere, a quest'oggi, la fantasia delle razze umane. E' sconvolgente scoprire quanti "scienziati" abbiano lottato per classificare la specie umana in razze, dicendo cose assurde, del tipo che gli uomini di colore siano meno intelligenti e sbandierando ai quattro venti la superiorità dell'uomo bianco. Ma è storia del passato, anche se ancora oggi in molti fanno solo affidamento al colore della pelle per giudicare una persona. Noi esseri "umani" apparteniamo tutti ad un'unica popolazione riproduttivamente chiusa e la nostra storia evolutiva è iniziata in Africa circa duecentomila anni fa. Insomma, può essere un'amara scoperta per qualcuno, ma siamo tutti "africani" ed "emigranti".
Ritieni utile questa recensione? SI NO