€ 14.25€ 15.00
    Risparmi: € 0.75 (5%)
Spedizione GRATUITAsopra € 25
Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi
Punti di ritiroScegli il punto di consegna
e ritira quando vuoiScopri come

Introduzione alla biodiversità del mondo vegetale

di Fabrizio Grassi, Massimo Labra, Francesco Sala

  • Editore: Piccin-Nuova Libraria
  • Data di Pubblicazione: 2006
  • EAN: 9788829918164
  • ISBN: 8829918164
  • Pagine: 88
  • Formato: brossura
10° in Biodiversità
18AppCarta docenteAcquistabile con il Bonus 18app
o la Carta del docente

Descrizione del libro

Conservare la biodiversità è oggigiorno un fattore di primaria importanza: la scomparsa di una specie rappresenta una perdita d’informazioni irreparabile e questo non riguarda solamente le specie di interesse agrario che sono fondamentali per il sostentamento dell’uomo, ma anche tutte le piante spontanee di cui spesso si conosce ben poco ma che racchiudono una grande varietà di risorse. In questo testo si affronta il problema della biodiversità ai fini di comprendere come si siano originate le differenti forme viventi e quali siano i rischi a cui questo patrimonio varietale sta andando incontro. Secondo Wilson l’attuale ritmo di estinzione è pari a 27.000 specie all’anno; queste stime sono allarmanti se consideriamo che conosciamo così poco del mondo vivente e che rischiamo di vedere scomparire specie che non sono state neppure classificate. Nel testo vengono prese in considerazione le caratteristiche e le cause dell’attuale crisi della biodiversità al fine di far comprendere al lettore i reali rischi e le possibili contromisure da adottare per eliminare, o almeno ridurre, la distruzione degli habitat e la scomparsa delle diverse specie. Si discute inoltre della distribuzione delle specie nelle diverse aree geografiche con particolare riferimento agli “hot spot” di biodiversità. Questo permette di comprendere come sia importante conoscere la diversità biologica nelle diverse parti del mondo e quali sono le aree maggiormente a rischio. Dal concetto di biodiversità si passa agli strumenti di studio della diversità biologica che vanno dalla valutazione dei diversi ecosistemi alle stime della diversità a livello di specie o di geni. Nel testo si approfondiscono i diversi livelli di stima con particolare attenzione alla diversità genetica e alle metodologie adottate per comprendere le informazioni scritte nel DNA delle diverse specie. Nella parte finale del testo si discute di alcune iniziative intraprese a livello nazionale ed internazionale per studiare la biodiversità e per conservare le specie o i territori a rischio.