€ 10.00
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 

Disponibile in altre edizioni:

Gli inquilini
Gli inquilini(2018 - brossura)
€ 10.20 € 12.00
Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come
Gli inquilini

Gli inquilini

di Bernard Malamud


Prodotto momentaneamente non disponibile
  • Editore: Minimum Fax
  • Collana: Minimum classics
  • Traduttore: Bossi F.
  • Data di Pubblicazione: aprile 2008
  • EAN: 9788875211653
  • ISBN: 8875211655
  • Pagine: 199
  • Formato: brossura

Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"

Trama del libro

Gli inquilini, pubblicato originariamente nel 1971, è la storia di Henry Lesser, l'ultimo occupante di una palazzina di Brooklyn che deve essere abbattuta per far posto a un condominio di lusso. Nonostante i goffi tentativi di sfratto da parte del proprietario Levenspiel, Lesser non vuole abbandonare l'appartamento, perché lì ha iniziato a scrivere il suo romanzo ed è lì che intende terminarlo. Quando nella palazzina si trasferisce, per abitarci abusivamente, Willie Spearmint, anche lui scrittore, fra i due si instaura una rivalità che è al tempo stesso letteraria (Willie sembra decisamente più sicuro di sé rispetto alla propria scrittura) e razziale (Lesser è ebreo, Spearmint afroamericano) e che assume uno sfondo anche sessuale quando entra in scena Irene, la fidanzata, di Willie.

I libri più venduti di Bernard Malamud

Tutti i libri di Bernard Malamud

Voto medio del prodotto:  3.5 (3.5 di 5 su 2 recensioni)

3Malamud, 28-02-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Dopo le prime pagine un pò legnose questo romanzo spicca il volo, grazie ad una trama originale, coinvolgente, direi tragicomica. Si alternano capitoli molto belli ad altri dimenticabili, ed in più il finale non convince del tutto pur essendo molto forte. Forse il personaggio più simpatico è proprio il palazzinaro Levenspiel, che perlomeno rimane sempre uguale a se stesso e coerente.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4Gli inquilini, 19-11-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
In un grande palazzo newyorkese, in procinto di essere demolito e perciò disabitato e in completa rovina, vivono (vivono scrivendo un libro e il libro, vivendo, li scrive) due scrittori: uno già pubblicato, ma in crisi d'ispirazione, l'altro alla disperata ricerca di un editore, ma con la testa brulicante di idee. Mentre infatti l'ebreo faticosamente trascina da anni la stesura dell'ultimo capitolo di un libro sull'amore, nella vana attesa di un'idea che possa concluderlo degnamente, il suo collega nero non riesce a smettere di battere i tasti della sua antiquata e pesante macchina da scrivere, riempiendo pagine su pagine di una specie di biografia molto amara (la sua? ) . Sono gustosissimi i dialoghi fra i due inquilini, diversi in tutto tranne che nella assoluta esigenza di scrivere. E' una questione di vita o di morte.
Più che un romanzo sembra una sceneggiatura o, a tratti, un copione teatrale. Par di vederli i due "scrittori impossibili"!
Questo libro sfiora, ma non raggiunge secondo me, la grandezza de "Il commesso".
Ritieni utile questa recensione? SI NO