€ 17.10€ 18.00
    Risparmi: € 0.90 (5%)
Spedizione GRATUITAsopra € 25
Disponibile in 2/4 giorni lavorativi
Punti di ritiroScegli il punto di consegna
e ritira quando vuoiScopri come

Gramsci nel cieco carcere degli eretici

di Noemi Ghetti

  • Editore: L'Asino d'Oro
  • Collana: Le gerle
  • Data di Pubblicazione: ottobre 2014
  • EAN: 9788864432649
  • ISBN: 8864432647
  • Pagine: XV-173
  • Formato: brossura
18AppCarta docenteAcquistabile con il Bonus 18app
o la Carta del docente

Descrizione del libro

Prevista dall'8 febbraio 1929 nel piano di lavoro dei "Quaderni del carcere", la "nota dantesca" sul Canto degli eretici è una chiave di accesso preziosa alla vicenda umana, intellettuale e politica di Antonio Gramsci. Caso unico attestato durante la detenzione, grazie alla complicata rete epistolare che attraverso Tatiana Schucht e Piero Sraffa arriva fino a Mosca, la lunga stesura è attentamente seguita e personalmente commentata da Togliatti. Promettente filologo ai tempi dell'università, Gramsci mette in discussione, fino a capovolgerla, l'estetizzante interpretazione di Benedetto Croce, il "papa laico" che, scindendo struttura e poesia, attività intellettuale e vita, sempre più si rivela un "leader del revisionismo". La nota è un modello nuovo di critica letteraria: affetti privati, passione politica, ricerca teorica e lotta culturale sono fusi nella scrittura in una straordinaria praxis che, mentre la solitudine carceraria si accentua, si fa sempre più universale. Se è vero, come Bobbio scrive, che "non vi può essere ortodossia che all'inizio non sia essa stessa critica" e che "l'ortodossia marxista è per ciò stesso, come tutte le ortodossie, una eresia", rileggere Gramsci, l'autore italiano più tradotto nel mondo insieme a Machiavelli, si rivela un fecondo esercizio di laicità. Nella grave crisi della sinistra, è necessario ripartire da qui per trovare la strada di un nuovo umanesimo.