€ 10.45€ 11.00
    Risparmi: € 0.55 (5%)
Disponibile in 3/4 giorni lavorativi

Disponibile in altre edizioni:

Il giorno del giudizio
€ 12.35 € 13.00
Disponibilità immediata
Punti di ritiroScegli il punto di consegna
e ritira quando vuoiScopri come
Il giorno del giudizio

Il giorno del giudizio

di Salvatore Satta

  • Editore: Ilisso
  • Collana: Bibliotheca sarda
  • Data di Pubblicazione: gennaio 2000
  • EAN: 9788885098978
  • ISBN: 8885098975
  • Pagine: 272
18AppCarta docenteAcquistabile con il Bonus 18app
o la Carta del docente

Voto medio del prodotto:  4 (4.2 di 5 su 5 recensioni)

4Un isola da riscoprire, 28-03-2012, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Il giorno del giudizio è un ottimo romanzo, certo, però secondo me non riesce a raggiungere un pubblico veramente universale, nonostante i continui accenni alla morte, destino universale e comune a tutti i mortali. Si riscatta, però, perché è una vicenda che esprime una grande lucidità e una grande forza morale, e ci parla della Sardegna, isola stupenda e mitica, forse troppo spesso dimenticata o fraintesa da noi continentali nella sua autenticità, drammatica e tragica, aldilà del banale senso comune.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5Imperdibile, 13-02-2012, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Un romanzo corale ambientato in un paesino sardo, attraversato da una sottile tristezza (il senso della fine di un'epoca, l'incapacità di adattarsi ai cambiamenti) : è un libro splendido, l'autore ha saputo descrivere benissimo la vita di un microcosmo isolato da tutto e da tutti, impermeabile alle novità (la prima guerra mondiale, l'elettricità, ecc. ) ma proprio per questo destinato inevitabilmente a scomparire. Personalmente ritengo questo romanzo uno dei più belli che abbia mai letto.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4Il Giorno del Giudizio, 05-08-2011, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Scritto magico, soprattutto per chi come me è nato e vissuto in Sardegna, un mesocosmo di usi, caratteri, bestie e servitù. Nello svolgersi della schiatta dei Sanna, il percorso della memoria di Satta narra il dettaglio delle vite schive e spesso sprecate dei nuoresi a cavallo del '900. I dolori di allora sono tuttavia gli stessi di oggi; in più c'è però poesia, dignità e un senso del tempo che passa che va oltre al normale sentimento di nostalgia. Un libro denso e opaco, terapeutico come un pianto.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4Il Giorno del Giudizio, 18-11-2010, ritenuta utile da 1 utente su 5
di - leggi tutte le sue recensioni
Unico romanzo di una personalità sarda conosciutà più forse per la sua opera politico-legislativa. Uno dei libri più intensi della letteratura dedicata alla Sardegna.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4Nuoro, la Sardegna ed il mondo, 01-10-2010, ritenuta utile da 5 utenti su 7
di - leggi tutte le sue recensioni
Come una voce antica che, piana, biascica al caldo di un focolare acceso, adeguandosi poi tiepida allo stupore immobile di chi silente ascolta. Come una memoria ingiunta che, remota, chi ha vissuto fiata al volto glabro di chi s’accinge a vivere. Come una nenia ultima che, dovuta, lamenta in recita gente sparita dalla terra, confondendo trionfo della vita e trionfo della morte. È salmodiante oralità in nero inchiostro “Il giorno del giudizio” di Salvatore Satta, la cui parola ricorda e commemora, racconta e rianima dicendo laicamente messa per spiriti in gravosa attesa del bramato oblio: c’è Piro Ciatte, legato ad un albero, e con lui Pasqualino, Fileddu, Don Sebastiano, Zio Poddanzu, Fele, Mastro Don Ferdinando. E c’è Nuoro e la Sardegna. E, forse, c’è il mondo. Perche questa storia che sembra locale, come sembrano soltanto locali le vicende narrate a fiato canuto nei bar di paese, è invece meraviglioso racconto che ci appartiene: la fatica e l’amore, i silenzi ed i pesi, le illusioni e la fine sono in quest’opera, che merita: silenzio, attenzione e calma, perché sia letto a dovere, perché a dovere sia sentito, come sono sentite le voci antiche che, piane, biascicano al caldo di un focolare acceso.
Ritieni utile questa recensione? SI NO