€ 15.51€ 16.50
    Risparmi: € 0.99 (6%)
Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come
Giochi criminali

Giochi criminali

 


Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi

Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"

Descrizione del libro

Le quattro regole del gioco è una raccolta in cui vengono narrate le vicende di quattro personaggi proposti dai quattro autori italiani Giancarlo De Cataldo, Maurizio De Giovanni, Diego De Silva e Carlo Lucarelli. I quattro autori, scrittori di primo piano del panorama letterario italiano, raccontano vicende incentrate su personaggi che attingono allo stile narrativo che caratterizza la rispettiva produzione artistica. Le quattro regole è un volume in cui i personaggi di De Cataldo, De Giovanni, De Silva e Lucarelli si avvicendano tra loro, dando vita ad un variegato potpourri che coinvolge e tiene il lettore incollato alle pagine.

Acquistali insieme

Gli utenti che comprano Giochi criminali acquistano anche Il vento del nord. Storia e cronaca del fascismo dopo la Resistenza, 1945-1950 di P. Giuseppe Murgia € 18.24
Giochi criminali
aggiungi
Il vento del nord. Storia e cronaca del fascismo dopo la Resistenza, 1945-1950
aggiungi
€ 33.75

Recensioni degli utenti

Scrivi una nuova recensione su Giochi criminali e condividi la tua opinione con altri utenti.


Voto medio del prodotto:  1 (1 di 5 su 1 recensione)

1Antologia a tema, 23-03-2014, ritenuta utile da 2 utenti su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
Ho comprato il libro soprattutto perché sono una lettrice appassionata di De Giovanni e perché desideravo conoscere meglio De Cataldo e De Silva, di cui avevo letto poco. Di solito mi piacciono le antologie di racconti a tema (come quelle che pubblica la Sellerio, per intenderci), ma in questa non vi è forza né qualità, e pare più un libro pubblicato per fare cassa.
Sono rimasta molto delusa: racconti modesti che paiono scritti più per dovere che per necessità. Forse l'unico che si salva è quello di Lucarelli, malgrado il finale frettoloso. Peccato, una bella occasione sprecata!
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Prodotti correlati

Gli altri utenti hanno acquistato anche...

Ultimi prodotti visti