€ 15.36€ 16.00
    Risparmi: € 0.64 (4%)
Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come
Getta la pietra! Il lager di Gusen-Mauthausen

Getta la pietra! Il lager di Gusen-Mauthausen

di Rudolf A. Haunschmied, Johann Prinz


Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
  • Editore: Mimesis
  • Collana: Mimesis
  • A cura di: P. Pozzi, G. Valota
  • Data di Pubblicazione: giugno 2008
  • EAN: 9788884837240
  • ISBN: 8884837243
  • Pagine: 175
  • Formato: brossura

Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"

Descrizione del libro

Gusen, noto e famigerato sottocampo del lager di Mauthausen, è stato definito il cimitero degli italiani per l'elevato numero di deportati italiani che vi trovò la morte. I testi qui pubblicati permettono di ricostruire la terribile storia di schiavizzazione dei deportati di Gusen e di comprendere il clima di terrore instaurato dai nazisti anche nei confronti delle popolazioni civili dei territori da loro occupati. Questo volume vuole contribuire alla memoria storica necessaria per costruire il nostro presente e il nostro futuro e vuole ricordare coloro che, in tempi in cui schierarsi contro il nazismo e il fascismo voleva dire rischiare la vita, non ebbero alcun dubbio su quale parte scegliere fino a morire per la nostra libertà.

Acquistali insieme

Gli utenti che comprano Getta la pietra! Il lager di Gusen-Mauthausen acquistano anche Il campo di sterminio di Gusen II. Mauthausen: via Crucis in 50 stazioni di Bernard Aldebert € 15.36
Getta la pietra! Il lager di Gusen-Mauthausen
aggiungi
Il campo di sterminio di Gusen II. Mauthausen: via Crucis in 50 stazioni
aggiungi
€ 30.72

Voto medio del prodotto:  4 (4 di 5 su 1 recensione)

4Ritorno non gradito., 11-07-2011, ritenuta utile da 8 utenti su 8
di - leggi tutte le sue recensioni
Poco conosciuto, pochi i sopravvissuti e rare le testimonianze della popolazione ariana che ben sapeva di questo Lager di sterminio. Si costruisce questo campo a ridosso di centri abitati in Austria, contadini, bambini ed operai assistono spesso al massacro e allo scempio di questi corpi ricoperti di sola pelle e stracci. Vedono e devono tacere, il piu' piccolo aiuto o solo uno sguardo a questi uomini, e si finisce a soffrire e morire con loro. Il terrore, tutti tacciono. Ritornon no gradito, nel gergo nazista significa: " Il prigioniero non deve uscire vivo dal campo, prigioniero scomodo, condannato a morte col lavoro coatto". E' maggio 1945, Hitler e' gia' morto, le SS sono in vergognosa fuga, gli Alleati sono alle porte del Lager, ma l'ordine di Berlino e' esplicito: " Uccidere tutti i prigionieri, uccidere anche la popolazione dei centri abitati nei paraggi, nessun sopravvissuto, nessuno deve raccontare".
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Gli altri utenti hanno acquistato anche...