€ 9.50
Fuori catalogo - Non ordinabile
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Come funzionano i romanzi. Breve storia delle tecniche narrative per lettori e scrittori

Come funzionano i romanzi. Breve storia delle tecniche narrative per lettori e scrittori

di James Wood


Fuori catalogo - Non ordinabile
  • Editore: Mondadori
  • Collana: Oscar saggi
  • Traduttore: Parizzi M.
  • Data di Pubblicazione: marzo 2011
  • EAN: 9788804605379
  • ISBN: 8804605375
  • Pagine: 177
  • Formato: brossura
  • Ean altre edizioni: 9788804596868

Descrizione del libro

Forse più di ogni altra forma letteraria, la finzione narrativa vive in osmosi con il reale: nei romanzi e nei racconti, letteratura e vita creano un circolo virtuoso, arricchendosi vicendevolmente. Sul piano dell'esperienza individuale, chi legge, o scrive, affina il proprio sguardo sulla realtà, e vivendo impara a penetrare con maggior acume la pagina scritta, in una continua evoluzione. In tale prospettiva, analizzare gli elementi costitutivi della narrazione l'intreccio, i personaggi, il dialogo, lo stile - e approfondire le tecniche dell'artificio può rivelarsi un prezioso strumento di conoscenza. Perché un romanzo o un racconto ci catturano? Come si costruisce un personaggio e come lo si fa muovere e parlare? Quando i dettagli comunicano l'essenziale e rivelano la genialità di uno scrittore? Cercando di fornire risposte da scrittore a quesiti certo non nuovi, James Wood spazia dai poemi omerici alla letteratura per ragazzi, dalla Bibbia a John le Carré, da Italo Svevo a Virginia Woolf, tracciando nel contempo una storia alternativa del romanzo.

Voto medio del prodotto:  0 (0 di 5 su 0 recensioni)

3Istruttivo, 29-08-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Mi ha spiegato il motivo scientifico per cui di certi romanzi non riesco a superare pagina 30, ma nel complesso non posso dire mi abbia entusiasmato. Per essere un testo dichiaratamente divulgativo il linguaggio non è dei più semplici, o meglio, è solo apparentemente semplice. Per poterlo capire infatti è necessario acquisire familiarità con alcuni termini e costruzioni nell'accezione usata dall'autore. Cosa che indubbiamente farei se dovessi preparare un esame, ma mi rifiuto di fare quando leggo per diletto.
Inoltre, per quanto ricco di esempi e citazioni, comunque dà per scontato che il lettore non solo abbia letto, ma conosca in maniera approfondita i romanzi che l'autore ha scelto per illustrare le sue tesi: romanzi che provengono tutti - o sublime pigrizia - dalla sua biblioteca. Peccato che non coincida necessariamente con quella del lettore.
Infine, si tratta di una traduzione dall'inglese e spesso l'autore fa riferimento all'effetto letterario creato da sottigliezze e particolarità della sua lingua madre, al più confrontandola con il francese. In italiano tutto ciò va perduto.
Insomma, se - in lingua originale - potrebbe costituire un utilissimo supporto ad un corso avanzato sulla letteratura inglese, letto durante un caldo pomeriggio estivo, perde gran parte del suo fascino.
Ritieni utile questa recensione? SI NO